Ippica. La Caprillina non partecipa al bando per la gestione del Caprilli

22.05.2021 16:42 di Anna Viola   Vedi letture
Ippica. La Caprillina non partecipa al bando per la gestione del Caprilli
© foto di Comune di Livorno

Livorno - La fondazione Caprillina esce dalla “competizione” per la gestione provvisoria dell’ippodromo Caprilli perché “non è una società di corse riconosciuta dal Mipaaf, come richiede il bando, e poi perché non ha un fatturato minimo, nell’ultimo triennio, di almeno tre milioni di euro”.A renderlo noto, attraverso una nota, sono stati Attilio D’Alesio ed Andrea Ghezzani, rispettivamente ex direttore ed ex presidente della Labronica Corse Cavalli, che hanno affermato che hanno affermato che “l’incontro avuto alcune settimane fa con il sindaco Luca Salvetti non ha prodotto i risultati sperati”.

D’Alesio e Ghezzani nelle settimane scorse avevano illustrato al Comune di Livorno un progetto in cui era ipotizzata l’assegnazione temporanea della gestione dell’ippodromo a una fondazione od associazione culturale sul modello Caprillina o Livornese Corse Cavalli con l’obiettivo di far diventare il Caprilli un ippodromo e al tempo stesso un grande teatro all’aperto.