Serie B, dove eravamo rimasti? Il punto sulla ripresa del campionato

06.06.2020 18:43 di Luca Aprea Twitter:    Vedi letture
Serie B, dove eravamo rimasti? Il punto sulla ripresa del campionato

Milano – Un mini-torneo di dieci giornate. La Serie B (fatta eccezione per il recupero Ascoli-Cremonese) il 20 giugno riprenderà per disputare le ultime partite che mancano per concludere la stagione regolare. Poi, se tutto andrà bene, ad agosto playoff e playout decreteranno la terza promozione e la quarta retrocessione. Il 'se' però è d'obbligo: la pandemia è tutt'altro che un ricordo: il campionato che riparte resta appeso a un filo, tanto che gli eventuali piani alternativi, con polemiche annesse, in questi giorni si sprecano.

Il Livorno. Ma, per una volta, pensiamo al calcio giocato. Ad essere onesti per i colori amaranto non è un gran bel pensiero. Il Livorno è ultimo schiantato e ha 12 punti di distacco dalla Cremonese che occupa l'ultimo posto utile per il playout e 14 dall'Ascoli, al momento salvo. Ma grigiorossi e bianconeri hanno una partita in meno quindi il divario, già siderale, a seconda dell'esito del recupero, potrebbe perfino aumentare. L'impresa è ai confini della realtà, è bene essere chiari. Detto questo, considerando che tra ricorsi, crisi societarie ed eventuali stravolgimenti del format il futuro del prossimo campionato di Serie B è tutt'altro che scontato, non arrivare ultimi, oltre che per l'orgoglio, potrebbe essere qualcosa di più di un dettaglio. Il primo obiettivo deve essere mettere nel mirino Trapani e Cosenza, lontane rispettivamente 6 e 7 punti. Tanti, ma non tantissimi.

Lotta salvezza. Detto delle prospettive amaranto, classifica alla mano, possiamo dire che la situazione delle citate ultime tre è abbastanza compromessa. In zona playout invece il mucchio è davvero selvaggio, dai 30 punti della Cremonese ai 36 del Pisa sono tutti coinvolti. E lo scontro diretto Ascoli-Cremonese che riaprirà ufficialmente i giochi potrebbe dare un bello scossone alla classifica in tal senso.

Lotta promozione. Il Benevento deve solo pensare a raccogliere il prima possibile i punti necessari per una promozione aritmetica che, oggettivamente, sembra solo una formalità. Alle sue spalle il secondo pass per la Serie A dovrebbe essere una volata a tre tra Crotone, Frosinone e Pordenone ma attenzione dietro perché Spezia e Cittadella se infilano un buon filotto possono inserirsi. La zona playoff, che attualmente è chiusa dal Chievo a quota 41, può ancora essere raggiunta tranquillamente da Empoli e Entella. Attenzione agli azzurri, con la rosa importante che si ritrovano in caso di aggancio agli spareggi possono far fuori chiunque. Curiosa la situazione del gruppetto formato da Pisa, Juve Stabia e Perugia: a quota 36 possono sognare i playoff ma devono anche, se non soprattutto, guardarsi le spalle. A occhio la priorità dovrebbe essere la seconda opzione anche se gli umbri hanno i mezzi per poter puntare in alto.