Ippica. Gara deserta per la gestione dell'ippodromo Caprilli

05.06.2021 21:14 di Marco Ceccarini   vedi letture
Ippica. Gara deserta per la gestione dell'ippodromo Caprilli

Livorno – Alla scadenza dei termini non è arrivata alcuna offerta per la gestione dell’ippodromo Caprilli di Livorno. La gara è andata deserta. Il bando pubblicato lo scorso 18 maggio, con scadenza venerdì 3 giugno, prevedeva la gestione dell’ippodromo per un anno prorogabile a due. Il canone di affitto era stato stabilito in 80 mila euro l’anno più Iva. Ma forse a causa del requisito di solidità aziendale richiesto dal Comune di Livorno, che aveva inserito nel bando il requisito di un fatturato di 3 milioni di euro negli ultimi tre anni, i potenziali “pretendenti” hanno disertato la gara.

Con il bando disertato, la possibilità di rivedere al Caprilli le corse estive, si complica. Eppure, con i 2 milioni 300 mila euro destinati all’ippodromo comunale, sono stati aggiudicati i lavori di riqualificazione della struttura. Si tratta di interventi di manutenzione del verde, opere edilizie, impiantistica, sistemazione della pista e ripristino delle luci.

Adesso la possibile strada da seguire è quella trattativa privata, ma in questo caso le condizioni per la concessione, molto probabilmente, saranno più sfavorevoli per il Comune. Il quale, oltre ad organizzare al Caprilli eventi vari e concerti, sembra in ogni caso intenzionato a prevedere l’organizzazione di gare di corse dei cavalli, secondo l’uso prioritario da fare dell’ippodromo livornese.