Santopadre, presidente del Perugia: "Impossibile riprendere ora la B"

19.04.2020 14:47 di Marco Ceccarini   Vedi letture
© foto di Federico Gaetano
Santopadre, presidente del Perugia: "Impossibile riprendere ora la B"

Livorno – Il presidente del Perugia, Massimiliano Santopadre, in un’intervista al Corriere dell’Umbria, si è così espresso sulla ripresa dei campionati: “I medici ed i virologi ci fanno capire che sarebbe meglio non partire. C’è poi la parte economica che fa da contraltare. Si cerca di trovare per forza una soluzione per farci giocare. Per la Serie B il protocollo di sicurezza è inattuabile. Se la Figc ci costringe a giocare, si faccia onere delle spese del protocollo che ad una squadra di B costerebbe 400 mila euro. La Federazione metta sul piatto 8 milioni di euro e li distribuisca ai venti club di B”.

Santopadre, inoltre, ha affermato che la Figc dovrebbe sostenere i club anche “con assicurazioni e polizze sulla vita perché non si può rischiare la vita dei dipendenti”. E ha aggiunto: “Capisco la difficoltà nell’assegnare i titoli e le varie posizioni di classifica, ma bisogna pensare anche a quei club che vengono mandati al macello per far sì che questo avvenga”.

Il presidente del Perugia, a conclusione dell’intervista, ha proposto una soluzione: “Riprendere a luglio. In un mese e mezzo si assegnano i titoli, si danno quindici giorni di vacanza ai giocatori e poi si riprende a settembre con un nuovo campionato. E’ l’unica soluzione che tutela sia i fallimenti che l’assegnazione dei titoli sportivi”.