Game over

07.03.2021 21:01 di Luca Aprea Twitter:    Vedi letture
Game over
© foto di Francesco Moscatelli

Gorgonzola (Milano) – Niente da fare, neanche la buona tradizione è in grado di sorreggere il Livorno in questa tormentata stagione che, ormai, lascia pochi dubbi sul suo amaro epilogo. Il Livorno contro la Giana subisce un gol quasi casuale ma, nonostante più di un tempo a disposizione, non riesce a rimontare ed esce sconfitto anche dalla trasferta in riva alla Martesana. La scossa che si auspicava con il cambio in panchina non c'è stata. Marco Amelia, a cui per il solo fatto di aver accettato l'incarico va dato merito di un encomiabile amore per la maglia amaranto, in pochi giorni non poteva fare certo miracoli. In due partite ha raccolto altrettante sconfitte, anche immeritate se vogliamo dirla tutta, ma questa non è una novità. Nessuna inversione di tendenza, l'ennesimo scontro diretto è stato perso e adesso la classifica è davvero impietosa. Solo l'aritmetica mantiene in vita gli amaranto e se, come si teme, dovesse arrivare un'ulteriore penalizzazione la condanna sarebbe praticamente certa. Nel frattempo occorre onorare la maglia: ne ha viste tante di brutte storie, forse anche peggiori di questa. La vecchia 'bandera' amaranto, carica di dolor, terrà sempre fronte. Sempre.