Serie D. Niccolai e Braccini, Pro Livorno, il punto su presente e futuro

05.05.2021 19:56 di Lorenzo Palma Twitter:    Vedi letture
Serie D. Niccolai e Braccini, Pro Livorno, il punto su presente e futuro
© foto di Lorenzo Palma

Livorno - Oggi la Pro Livorno Sorgenti ha tenuto una conferenza stampa pubblica davanti al negozio di uno dei propri sponsor, Erboristeria L’Erbario in via Maggi, dove ha fatto il punto sul campionato che riprenderà domenica dopo una pausa durata tre settimane dando anche uno sguardo al futuro e alla prossima stagione, erano presenti l'allenatore Matteo Niccolai con tutti i suoi collaboratori, tutti i giocatori e in rappresentanza della società Marco Braccini, Piero Ceccarini e Marcello Puccini.

In apertura l’allenatore Matteo Niccolai è molto chiaro sugli ultimi risultati: “Abbiamo conquistato un solo punto nelle ultime sei giornate, tra l’altro con una delle squadre più forti, il Lentigione Questa sosta a noi è servita parecchio per ritrovare le forze mentali e fisiche, adesso noi raggiungiamo il nostro primo obbiettivo che è sempre stato il mantenimento della categoria, vogliamo i tre punti contro la Bagnolese che ci darebbero la salvezza matematica e sarebbero la miglior medicina per noi. Il nuovo innesto Alberto Lischi è un ragazzo che ho voluto per gli infortuni di Carani e Salemmo, si è messo subito a disposizione ed è stato subito accolto a braccia aperte”.

Tornando invece sulla difesa a tre l’allenatore parla di: “Un cambiamento che serviva, il 4-3-3 dopo tanti anni lo hanno assimilato, se pensavo di avere giocatori che non possono giocare a 3 dietro non la avrei provata. Davanti continuiamo a giocare a 3, cambieremo più che altro l’assetto del centrocampo che si metterà in linea. La rosa è stata costruita per giocare con un 4-3-3 ma ciò non impedisce di cambiare”.

Parlando di futuro il mister afferma: “La società si è già mossa con la propria programmazione e le proprie valutazioni, la prossima sarà una stagione storica, vedendo le retrocesse dalla Serie C, anche se non so come comporranno i gironi, ci saranno squadre di altissimo calibro. Sarà ancora più bello affrontare un girone di ferro il prossimo anno”. Il direttore sportivo della società Marco Braccini prosegue: “Ci teniamo tantissimo a finire bene, siamo stati eccellenti nel girone d’andata ma siamo amareggiati rispetto alle prime dieci partite del girone di ritorno, questa è una società che pianifica con largo anticipo e mi sono già incontrato con le persone sedute qui al tavolo e con i responsabili dell’area tecnica. Non sappiamo ancora cosa deciderà la Lega Nazionale Dilettanti sullo slittamento delle quote, se ci sarà o meno. Cambia radicalmente la situazione, le voci parlano di un blocco ma la LND è tutt’altro che celere nelle comunicazioni. In caso contrario il 2003 entra a far parte della nostra rosa e ciò cambia le strategie di mercato, abbiamo già buttato giù un piano A e un piano B, il nostro desiderio di consolidarci senza fare follie, vogliamo arrivare nella migliore posizione possibile e vogliamo provarci fino all’ultima giornata. Eravamo sicuri di poter far bene, abbiamo conquistato delle perle nel girone d’andata come le vittorie con Prato e Forlì, non nascondo di essere deluso dal girone di ritorno ma questo è un girone massacrante a livello fisico e mentale, noi forse abbiamo pagato dazio soprattutto sul primo.”

Su un ipotetico derby contro il Livorno, il diesse si dichiara: “Amareggiato, io sono un tifoso del Livorno e speravo che lottasse per tornare subito in Serie B, ci penseremo nel caso, sono orgogliosissimo di rappresentare la Pro Livorno ma tutti sanno che sotto la pelle sono amaranto.”

Il capitano Giacomo Rossi, tornando sulla serie negativa di risultati fa riferimento ad un periodo: “Dove i punti non sono arrivati, la nostra soluzione è lavorare ancora di più per trovare una vittoria che ci dia una scossa e che ci permetta di arrivare a coronare l’anno. Bisogna comunque considerare il percorso fatto fino ad oggi e valutare i risultati ottenuti nel girone d’andata.”