Eccellenza. Frena ancora il Livorno, il Picchi ritrova la vittoria

15.11.2021 13:18 di Marco Frosini Twitter:    vedi letture
Francesco Neri del Picchi
Francesco Neri del Picchi
© foto di Tuttocampo.it

Livorno - L’harakiri del Livorno non sortisce particolari effetti nella classifica del Girone B di Eccellenza Toscana. Gli amaranto impattano per la seconda trasferta consecutiva sul campo di Santa Croce: stavolta sono i biancorossi della Cuoiopelli ad ottenere un insperato pareggio al termine di una partita nella quale ne abbiamo viste di tutti i colori.

Al Masini il prologo è tutto per gli ospiti che devono fare a meno di Vantaggiato, Torromino, Palmiero, Nunzi, Frati e Bellazzini: con Ferretti unico terminale offensivo, in panchina vanno il lungodegente Milianti ed il neoacquisto Adragna oltre agli altri under Piccolo, Truglio e Cecchi.

Il mood dell’incontro non si scosta di molto rispetto a quanto già visto anche nel match di Sabato scorso con il Certaldo: il Livorno gioca ma non incide, gli avversari ripartono e colpiscono a sorpresa. E’ quello che succede alla mezz’ora, quando Rossi si avventa su un pallone velenoso che taglia in due la difesa labronica e che permette all’attaccante pisano di battere Mazzoni per l’1 a 0 Cuoiopelli.

Non tarda ad arrivare la risposta degli ospiti, che pervengono al pareggio neanche dieci minuti dopo grazie ad un calcio di rigore assegnato dal Signor Guitaldi di Rimini per una parata di Falchini che respinge sulla linea il colpo di testa di Ferretti destinato ad accarezzare la rete della porta di Lampignano. Il cartellino rosso è d’obbligo, ed è lo stesso Ferretti ad incaricarsi della trasformazione che gli vale la quinta marcatura stagionale e la testa della classifica marcatori.

Il primo tempo si chiude sul punteggio di 1 a 1 ma con i santacrocesi sotto di un uomo.

Il Livorno che scende in campo nella ripresa offre una prestazione thrilling che vale quanto un romanzo di Stephen King: al 21’ è la zuccata del neo entrato Durante a portare avanti gli amaranto, e l’espulsione di Rossi maturata appena due minuti dopo sembra mettere la parola fine sull’esito dell’incontro; la Cuoiopelli non si dà per vinta e tra il 32’ ed il 44’ riesce incredibilmente a bucare Mazzoni con Martinelli che concretizza al meglio una palla alta e con Bracci che all’ultimo minuto fa il pari al nuovo vantaggio di Ghinassi (per il difensore ex Prato e Siena sono già tre le reti in questo campionato). La partita si chiude con un pirotecnico 3 a 3 tra la delusione degli oltre 200 tifosi al seguito del Livorno e con Buglio che ammette le difficoltà della squadra a gestire il risultato.

In coda agli amaranto si forma un tandem di squadre che stanno vivendo un momento positivo e ricco di soddisfazioni: se da una parte l’Atletico Cenaia rallenta per mano del Ponsacco (0 a 0) e non approfitta del pareggio della capolista, il Fratres Perignano si conferma formazione top per la categoria: nell’anticipo del Sabato i rossoblu di Ticciati risolvono agevolmente la pratica Colligiana grazie alla doppietta del classe 2000 Andolfi. L’attaccante ex Pro Livorno apre le danze al 26’ pt con un bel colpo di testa che finisce alle spalle di Chiarugi e che spezza l’egemonia dei biancorossi, fino ad allora padroni del campo ma con un attacco troppo sterile. Il vantaggio cambia radicalmente le sorti della partita, nella quale la Colligiana è costretta a rincorrere lasciando ampi spazi ai contropiedi del Fratres. Nel finale della prima frazione è Napoli ad andare vicino ad una clamorosa autorete, ma la traversa di Chiarugi salva.

Nel secondo tempo non cambia il copione, ed è ancora il Fratres a centrare il bersaglio grosso: Genovali costruisce, la testa di Andolfi fa il resto. Il 2 a 0 si protrae fino al triplice fischio finale e vale la seconda vittoria consecutiva per la formazione pisana, ancora imbattuta come il Livorno ma con novanta minuti di vantaggio rispetto alla battistrada.

Alle spalle della zona playoff si riaffaccia l’Armando Picchi che torna alla vittoria dopo cinque giornate: il tabù del Picchi è finalmente sfatato per la gioia dei biancoamaranto.

I livornesi vanno a segno con Morelli, che al quarto d’ora è bravo a chiudere il triangolo con Testa e capitan Neri; l’1 a 0 resiste anche grazie a Borboryo che salva su Franzino con un intervento provvidenziale. A cinque dal novantesimo i labronici mettono il sigillo sui tre punti grazie al tocco rapace di Neri che ribatte in porta una respinta di Muscas sul tiro di Castagnoli. I risultati dagli altri campi permettono così al Picchi di guadagnare terreno sulle dirette avversarie e di agganciare il treno promozione distante solo un punto, quello che li divide dai rossoblu del Ponsacco.

I neroverdi di Ponte a Egola si vedono così agganciare dai biancoamaranto e dal Fucecchio, al quale non basta Marcon per avere ragione del Castelfiorentino. Al Corsini succede tutto nel primo tempo: al 20’ pt l’attaccante bianconero mette dentro su rigore, ma agli ospiti bastano appena cinque giri di orologio per rimettere le cose a posto con Torrente. Un risultato giusto per una partita che non vede né vincitori né vinti, e che permette ad entrambe di muovere la classifica per esigenze diverse.

In coda respira il Certaldo, che dopo la convincente prova di Livorno mette a referto tre importantissimi punti per la salvezza. I viola si regalano la prima vittoria del campionato battendo l’Atletico Piombino per 2 a 1. Partita gestita per ampi tratti dai padroni di casa, che chiudono il primo tempo con il punteggio ad occhiali ma che possono recriminare per le diverse occasioni sprecate dai vari Acatullo e Nuti; gli ospiti reagiscono sul finale, ma Orsini è reattivo e respinge su Orarah. I secondi quarantacinque minuti sono un assedio del Certaldo alla porta di Petruccelli: al 4’ st Orsucci è lesto a mettere in rete per il vantaggio viola, ed appena un quarto d’ora dopo l’asse Acatullo-Vecchiarelli-Corsi costruisce il 2 a 0 che legittima il gioco dei padroni di casa.

Al 30’ st l’Atletico trova un insperato 1 a 2 con Quarta che di testa realizza la sua prima rete in questo torneo, ma tanto non basta per rimettere le cose a posto: per i nerazzurri è notte fonda ed ora la classifica fa davvero paura. Il Certaldo mette nel sacco i primi tre punti e raggiunge il gruppetto composto ora da Atletico Piombino, Castelfiorentino e dal San Miniato Basso che ieri ha osservato un turno di riposo.

Nel prossimo turno fari puntati sul match del Comunale di Ponsacco tra i rossoblu locali ed il Fratres Perignano. L’Atletico Cenaia andrà a far visita al Tuttocuoio con la speranza che il Livorno non batta il San Miniato Basso.

In classifica cannonieri guidano Ferretti (Livorno) e Remedi (Atletico Cenaia) con cinque reti davanti a Bracci (Cuoiopelli), Vantaggiato (Livorno) e Neri (Armando Picchi) con quattro; otto giocatori seguono con tre reti ciascuno.

Questi i risultati della settima giornata:

Fratres Perignano - Colligiana 2-0 (giocata Sabato)

Armando Picchi - Tuttocuoio 2-0

Atletico Cenaia - Ponsacco 0-0

Certaldo - Atletico Piombino 2-1

Cuoiopelli - Livorno 3-3

Fucecchio - Castelfiorentino 1-1

riposava: San Miniato Basso

La classifica: Livorno 17 punti; Fratres Perignano* ed Atletico Cenaia 12; Cuoiopelli* 11; Ponsacco* 9; Armando Picchi, Fucecchio e Tuttocuoio* 8; Colligiana 7; Certaldo*, San Miniato Basso*, Castelfiorentino* ed Atletico Piombino 5. *una partita in meno.

Il prossimo turno:

Atletico Piombino - Cuoiopelli

Castelfiorentino - Armando Picchi

Colligiana - Certaldo

Livorno - San Miniato Basso

Ponsacco - Fratres Perignano

Tuttocuoio - Atletico Cenaia

riposa: Fucecchio