Fa saltare il fischietto all'arbitro, due anni al portiere dell'Academy

13.10.2022 23:16 di Marco Ceccarini   vedi letture
Fa saltare il fischietto all'arbitro, due anni al portiere dell'Academy
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Livorno - Per Francesco Garzelli, portiere dell’Academy Livorno, il campionato di Terza Categoria non inizierà nemmeno. Domenica scorsa, 9 ottobre, durante la partita di Coppa provinciale di Livorno contro lo Stagno, al campo sportivo di Borgo Cappuccini, a seguito di un cartellino rosso ricevuto a una quindicina di minuti dalla fine del match, ha infatti colpito il fischietto dell’arbitro Matteo Tofacchi della sezione di Livorno facendoglielo cadere dalla bocca. Il portiere Garzelli è stato squalificato per due anni, fino al 9 ottobre 2024.

Il fatto è accaduto al 32’ del secondo tempo. La partita, in quel momento, vedeva lo Stagno in vantaggio, 2 a 4, con la squadra di casa che tentava disperatamente di rientrare in gara. Un rigore concesso agli ospiti, con la relativa espulsione del portiere dell’Academy perché il fallo da lui commesso, secondo quanto ha scritto l’arbitro nel referto, aveva negato una evidente occasione da gol alla squadra dello Stagno, ha fatto perdere la pazienza al portiere amaranto che, in virtù dell’espulsione subita, ha colpito il direttore di gara al volto con la punta dei guantoni in modo tale da fargli cadere dalla bocca il fischietto. L’arbitro Tofacchi, a quel punto, ha sospeso la gara ritenendo di non essere più nelle condizioni psicologiche per continuare la stessa e ritenendo che non ci fossero i presupposti di sicurezza per continuare l’incontro di calcio.

Sulla base del referto, in ottemperanza a quanto previsto dal codice di giustizia sportiva, l’Academy Livorno si è vista infliggere la sconfitta a tavolino con il punteggio di 0 a 3, ritenuta più vantaggiosa rispetto al punteggio conseguito sul campo al momento della sospensione. La stessa Academy è stata inoltre punita con 230 euro di multa: 150 per aver omesso di sincerarsi sulle condizioni psicofisiche del direttore di gara da parte dei dirigenti in distinta dopo la sospensione della gara, 80 per aver un gruppo di sostenitori offeso ripetutamente l’arbitro durante la gara.

In relazione a quanto riportato nel referto dell’arbitro, inoltre, anche il centravanti Jacopo Curcio, sempre dell'Academy è stato squalificato per un mese, per essersi avvicinato a Tofacchi, dopo essere stato espulso per proteste, stringendogli la mano in senso ironico e, secondo quanto asserito dal direttore di gara, pronunciando nei suoi confronti parole offensive.