Serie D. Ceccarini, Pro Livorno: “Bella reazione ma dobbiamo migliorare"

20.12.2021 18:14 di Marco Frosini Twitter:    vedi letture
Ceccarini della Pro Livorno
Ceccarini della Pro Livorno
© foto di Amaranta.it

A ridosso della sconfitta della Pro Livorno sul campo del Poggibonsi abbiamo avuto il piacere di scambiare due parole con Piero Ceccarini, Addetto Stampa della società labronica. Con l’ex fischietto internazionale abbiamo analizzato alcuni aspetti del campionato del club biancoverde, dal ko del Lotti fino alla sessione invernale di calciomercato dove la Pro Livorno ha già operato sia in entrata che in uscita.

Buongiorno Piero, grazie per aver accettato il nostro invito. Che cosa ci racconta sulla sconfitta di ieri?

“Nel primo tempo i ragazzi hanno giocato un buonissimo calcio, controllando per larghi tratti il gioco e difendendo con ordine; il Poggibonsi si è reso pericoloso con un paio di colpi di testa ed impegnando Blundo solamente in una circostanza. Il gol di Costanzo è arrivato al termine di una bella ripartenza, segno evidente che la squadra sta lavorando sulle gambe e sulla testa. Purtroppo nella ripresa non siamo riusciti a mantenere alto lo stesso livello di concentrazione e siamo stati puniti due volte da un avversario che sembrava tutt’altro che irresistibile. Ad ogni modo ho visto una bella reazione del gruppo rispetto ad altre trasferte dove invece sembrava quasi impaurito. Peccato per il risultato.”

Rispetto alla gestione precedente, ci sono degli aspetti sui quali Stringara ha focalizzato maggiormente l’attenzione?

“Va detto che i problemi della squadra riguardavano vari aspetti, ed è per questo che la società si è mossa a dovere chiamando in causa il nuovo tecnico. Con il mister i ragazzi hanno intensificato il lavoro sulla fase difensiva, sulle marcature e sui calci da fermo: proprio quest’ultimo aspetto ci è costato caro in diverse circostanze nel corso del campionato. Anche il modulo è cambiato rispetto alle prime partite, variando la difesa da quattro a tre e concentrando maggiormente il gioco per vie centrali.”

E Mercoledì si torna in campo contro lo Scandicci…

“I ragazzi sono ben consapevoli che di qui al termine del campionato ogni partita sarà di importanza vitale per il mantenimento della categoria. Scandicci o Poggibonsi conta poco, quello che conta è solo il risultato del campo. Archiviata la delusione di ieri, già da oggi la squadra tornerà a disposizione di Stringara per preparare al meglio la delicata sfida di Mercoledì.”

Situazione infortunati: oltre a capitan Rossi, nelle ultime partite la Pro Livorno ha dovuto fare a meno anche di Camarlinghi.

“Non mi piace trovare alibi, ma senza dubbio gli infortuni hanno fatto ampiamente la propria parte in questo difficile inizio di campionato. Rossi starà fuori ancora per diverse partite, per Camarlinghi valuteremo in settimana.”

Secondo lei, quali sono le squadre che lotteranno fino alla fine del campionato per non retrocedere?

“La classifica è ancora molto corta, e questo ci permette di guardare ai prossimi incontri con un moderato ottimismo. Secondo me la lotta salvezza riguarderà non meno di metà delle squadre del girone; inutile dire che la Pro Livorno abbia come obiettivo minimo il terzultimo posto, ad oggi distante tre punti.”

In questa sessione di mercato la Pro Livorno ha operato sia in entrata che in uscita. Crede che la rosa possa beneficiare di qualche altro pezzo?

“In queste settimane abbiamo avuto modo di valutare insieme al mister la qualità della rosa, scegliendo con cura i migliori elementi per il gioco di Stringara. Non è da escludere qualche altra operazione da qui al termine della sessione invernale, ma dobbiamo tenere conto delle difficoltà oggettive che la società potrà trovare nell’ingaggio di rinforzi adeguati alle proprie esigenze. Certamente la posizione di classifica non rende molto appetibile la piazza, ma per questo vedremo di muoverci al meglio già con i giocatori a disposizione.”