Eccellenza. Livorno, con il Tau Altopascio vietato sbagliare

30.04.2022 10:00 di Luca Aprea Twitter:    vedi letture
Eccellenza. Livorno, con il Tau Altopascio vietato sbagliare
TUTTOmercatoWEB.com

Livorno – Margine di errore: zero. Nella terza e ultima giornata di andata della Poule Promozione il Livorno, dopo l’incredibile sconfitta interna contro il Figline, ha un solo risultato a disposizione, la vittoria. A Lucca gli amaranto sfidano il Tau Altopascio, squadra vincitrice del girone A. Dopo il ko con i gialloblu valdarnesi, il presidente Toccafondi ha richiamato tutti a dare il massimo con testa e coraggio ma, allo stesso tempo, ha invitato tutto l’ambiente a evitare disfattismi. Bastano sette punti ma il “pres” ne vuole nove. E il primo bottino pieno dovrà arrivare dalla trasferta del “Porta Elisa” contro i granata che, mercoledì, al “Del Buffa” hanno imposto lo 0-0 al Figline. Un risultato che testimonia le caratteristiche della squadra lucchese, arcigna e con un’ottima difesa. Anche il Tau, come Figline e Livorno, ha dominato a lungo il proprio girone ma, a differenza delle altre due rivali, ha avuto la certezza aritmetica del primo posto solo all’ultimo respiro, complice un calo nel finale che ha permesso il ritorno della Lastrigiana.

Il Livorno si presenterà all’appuntamento senza gli squalificati Torromino (per lui Poule finita) e Luci, espulsi nel convulso finale di domenica pomeriggio. Il peso dell’attacco sarà quindi quasi interamente sulle spalle di Daniele Vantaggiato, autore di una doppietta all’esordio nel triangolare. Alle sue spalle, oltre a Bellazzini, scalpitano Frati e Ferretti che, nonostante non abbia i 90’ delle gambe sarà con tutta probabilità costretto agli straordinari.

In casa Tau mister Cristiani, che non sarà in panchina a causa dell’espulsione rimediata nel recupero della partita di mercoledì, si affiderà a Doveri e Granito in attacco.

Fischio di inizio domenica 1° maggio alle ore 17. Il Livorno, come sempre, sarà seguito dal popolo amaranto: saranno oltre 500 i tifosi al seguito di Mazzoni e compagni.