PIsa, infermiera livornese in vena di sfottò rischia il licenziamento

14.04.2020 23:43 di Carlo Grandi   Vedi letture
PIsa,  infermiera livornese in vena di sfottò rischia il licenziamento

Livorno - Il derby non finisce mai, è una faccenda quotidiana tra pisani e livornese, così vicini ma anche così lontani per storia,blasone e tradizione sportiva e non. Una storia di provocazioni,all'ordine del giorno, sparse in tutto il mondo è scritte nei luoghi più famosi del pianeta,come le piramidi d'Egitto o il muro di Berlino. 

Capita così che un'infermiera livornese, di stanza all'ospedale Cisanello di Pisa, il giorno di Pasqua decida di andare sul posto di lavoro scrivendosi sul dorso della tuta di ordinanza quelle due famose parole che rappresentano un mantra per chi è nato sotto i quattro mori. Un gesto reso ancora più eclatante dalla foto fatta e postata su un noto social network.

Subito si è scatenata la rivolta, prima dei benpensanti, poi delle vittime designate che hanno denunciato l'accaduto alla dirigenza dell'ospedale e stigmatizzato il comportamento dell'infermiera anche sui giornali locali. 

È partito così il dibattito,questo senza frontiere né campanili, tra chi ha stigmatizzato l'accaduto e chi lo ha minimizzato parlando di bravata, con tanto di foto solidali e hashtag sui social. 

Resta da vedere che sviluppi avrà la faccenda e fin dove arriverà la questione riguardo il punto in cui è lecito scherzare in un dato luogo e in un dato momento storico.