Serie D. L'ex amaranto Onofri sulla panchina del Flaminia

13.10.2021 19:47 di Marco Frosini Twitter:    vedi letture
Federico Nofri Onofri
Federico Nofri Onofri
© foto di ilcentro.it

Civita Castellana - Con una nota formale sui propri canali ufficiali, il Flaminia Civitacastellana ha sollevato Roberto Rambaudi dal ruolo di allenatore della formazione rossoblu: per il tecnico ex Foggia e Lazio, oltre alla sconfitta patita al Madami Domenica scorsa contro il Poggibonsi (1 a 2), hanno pesato gli scarsi risultati ottenuti nelle prime quattro partite, dove i laziali hanno racimolato la miseria di un solo punto (2 a 2 alla seconda con il Tiferno Lerchi). Attualmente il Flaminia occupa l’ultima posizione in coabitazione con Foligno e UniPomezia.

Questo il comunicato rilasciato questa mattina dalla società di Civita Castellana: “La Flaminia comunica l’esonero dell’allenatore della prima squadra Roberto Rambaudi. La società ringrazia Rambaudi per il lavoro svolto, per la grande professionalità, disponibilità ed abnegazione dimostrate durante tutto il periodo del suo incarico, augurando allo stesso le migliori fortune per il prosieguo della sua carriera”.

Al suo posto è stato ufficializzato l’ex centrocampista del Livorno Federico Nofri Onofri, 51 anni, proveniente dalla positiva esperienza con il Tiferno chiusa con il nono posto nel campionato 2020/2021 e con alcuni risultati di prestigio, come la vittoria al Franchi con il Siena ed il successo interno con l’Aquila Montevarchi, poi vincitrice del girone E.

Nofri Onofri indossò la maglia del Livorno nel campionato 1999/2000, agli albori dell'era Spinelli e del ritorno di Igor Protti in terra labronica: era il nuovo Livorno di Carmignani, di Bortolazzi, Lafuenti e Sturba, era un Livorno costruito intorno a Protti e Carruezzo per il ritorno in Serie B ma che ottenne solo un deludente settimo posto. Il 26 Settembre del 1999, il centrocampista fece parte della squadra che espugnò l’Arena Garibaldi di Pisa con le reti di Protti (rigore) e Carruezzo. In campionato collezionò ventisei presenze prima di essere ceduto al Castel di Sangro nel corso del campionato successivo.

In carriera, oltre all’amaranto, il barese ha vestito anche le maglie di Gubbio, Arezzo, Montevarchi, Castel di Sangro, Aglianese e Valenzana, prima di fare ritorno a Montevarchi; Gavorrano, Viterbese, Teramo, Sangiovannese e Tiferno le squadre allenate prima dell’odierna presentazione come nuovo tecnico dei rossoblu castellani.

Con lui arriva anche Stefano Scardala, ex giocatore del Flaminia, nelle vesti di DS: prenderà il posto di Luigi Coni.