Eccellenza. Il Livorno piega il Pomezia all'ultimo secondo, 2 a 1

12.06.2022 18:53 di Luca Aprea Twitter:    vedi letture
La gioia di Ferretti: è 2-1!
La gioia di Ferretti: è 2-1!
© foto di Amaranta.it

Livorno - All'ultimo secondo, dal dischetto, spesso fatale. Il Livorno ribalta il Pomezia in pieno recupero grazie a un calcio di rigore procurato e trasformato da Ferretti e conquista un piccolo, ma preziosissimo, vantaggio in vista della decisiva gara di ritorno. 

Angelini, che deve fare a meno per cause diverse a Luci (infortunato), Vantaggiato (squalificato) e Bellazzini (addio per motivi personali), mescola le carte e opta per un'inedita difesa a tre, rispolverando Milianti titolare in difesa e inserendo Gargiulo in mezzo al campo con Pecchia e Panebianco sulle corsie esterne. In attacco la strana coppia formata da Torromino e Ferretti con Frati a supporto.

L'approccio sembra buono perché la prima occasione è amaranto con Frati che scappa sulla fascia e piazza un pericoloso fendente che taglia l'area piccola e costringe Pinna a smanacciare in una non semplice uscita bassa. Neanche il tempo di rammaricarsi che il Pomezia al minuto tre passa in vantaggio con Cano che di testa svetta su tutti e infila all'incrocio. Il gol in trasferta, tanto temuto e che si voleva evitare a tutti i costi arriva dopo neanche cinque minuti. Una iattura anche perché il Pomezia, complice anche l'arbitraggio di Liotta che lo consente, manda in atto un prevedibile ostruzionismo. Risultato, si gioca pochissimo. Il Livorno a parte qualche spunto dell'ottimo Frati e qualche "zingarata" di Apolloni combina poco e, anzi, rischia anche qualcosa più del lecito in contropiede con il Pomezia che, guidato da Cano, il migliore dei suoi, crea un paio di situazioni pericolose anche se, va detto, Pulidori non deve compiere interventi degni di nota.

Nella ripresa lo scenario sembra il solito: giocatori del Pomezia tutti dietro e pronti a perdere tempo alla prima occasione e Livorno incapace di fare veramente male. Ma a rompere il vetro ci pensa Beppe Torromino che al 15' capitalizza al meglio una bella spizzata di Frati e da due passi fa secco Pinna. E' il gol che infiamma i 3mila innamorati amaranto (sui gradoni a metà giugno con oltre 30 gradi con il mare a due passi, se non è amore questo...) e che fa vacillare il Pomezia che, nelle gambe, comincia a sentire i 120' della scorsa settimana contro la Vis Cittadella Modena. Angelini capisce che deve osare e inserisce forze fresche: Gelsi e Petronelli. E le occasioni fioccano perché i nuovi entrano regalano un cambio di ritmo fondamentale. Pinna è strepitoso due volte su Ferretti ed è fortunato sulla conclusione improvvisa di Petronelli che si perde di un niente sul fondo.
Che il Pomezia sia in confusione lo testimonia anche un incredibile malinteso a 5' dalla fine dove solo per un caso fortuito i rossoblu non regalano al Livorno il gol vittoria. Che arriva nel concitato finale. L'arbitro concede sei minuti di recupero e al penultimo giro di lancette Ferretti si incunea in area di rigore e viene steso da Pinna. Liotta non ha dubbi e decreta il rigore tra le proteste dei laziali che, proprio per vanificare la pericolosa azione amaranto pensano bene di lanciare un secondo pallone in campo per far interrompere il gioco. L'arbitro per loro sfortuna non se ne accorge e fa proseguire. Dal dischetto,  in un silenzio surreale, Ferretti non sbaglia e fa esplodere la festa di tutto lo stadio e, commosso, al fischio finale si lascia andare a dolcissime lacrime. 

Il primo round è, meritatamente, del Livorno. Adesso, calma e gesso e finiamo il lavoro. C'è una promozione da conquistare.

Livorno - Pomezia 2 a 1 (0 a 1)

Livorno: Pulidori; Giampà, Milianti (Franzoni 6' st), Russo; Panebianco (Petronelli 33' st), Apolloni (Durante 39' st), Pecchia (Gelsi 15' st), Gargiulo; Torromino, Frati (Giuliani 33' st); Ferretti. A disp: Fontanelli, Ghinassi, Marinai, Palmiero, All. Angelini

Pomezia: Pinna; Oi (Mezzina 34' st), Manga, Fiorentini, Bianchi; Celli, Otero (Ruggiero 34' st), Lo Pinto (26' st Lahrach); Massella, Cano (Teti 22' st), Gallo (Fusaroli 43' st). A disp. De Angelis, Kepi, Cardinali, Passiatore. All. Scaricamazza

Arbitro: Liotta di Castellamare (Dell'Isola-Ciannarella)

Marcatori: Cano (P) 3' pt Torromino (L) 14' st Ferretti rig. (L) 49' st

Note. Giornata di sole. 2.884 spettatori. Ammoniti Oi (P) Massella (P) Russo (L) Gallo (P) Franzoni (L). Angoli 0-4.  Recuperi 4' e 6'