Eccellenza. Vincono Livorno e Picchi, pari show tra Cuoiopelli e Tuttocuoio

06.12.2021 10:49 di Marco Frosini Twitter:    vedi letture
L'Armando Picchi di Livorno
L'Armando Picchi di Livorno
© foto di Marco Frosini - Amaranta.it

Livorno - Quattro reti, undici calci d’angolo, un espulso e due rigori: questo quello che è successo oggi all’Ardenza dove una rediviva Colligiana ha provato in tutti i modi a rovinare la festa degli amaranto di fronte al proprio pubblico.

Una vittoria arrivata al termine di novanta minuti pregni di sudore, pathos e sofferenza: quella provata dagli oltre duemilacinquecento spettatori dell’Armando Picchi al minuto dodici, quando Mugnai ha sfruttato al meglio una palla sporca per mettere alle spalle di Pulidori la rete dello 0 a 1. Lo svantaggio fa da triste presagio per un’altra Domenica di passione per la banda di Buglio, che però trova le risorse giuste per il pareggio che arriva al 37’ pt: Apolloni cerca la profondità di Ferretti con un perfetto esterno destro, il nove amaranto controlla e serve l’accorrente Torromino che viene atterrato all’altezza del dischetto del rigore. Ferretti è glaciale dagli undici metri e fa 1 a 1. Neanche il tempo di rimettersi comodi che il Signor Leoni di Pisa assegna un secondo penalty ai padroni di casa per un evidente tocco di mano sulla linea di porta: stavolta si incarica della battuta Torromino che spiazza Chiarugi e porta avanti i suoi; lo stesso attaccante calabrese si infortuna sul finale di prima frazione ed è costretto a lasciare il posto a Frati. Si va al riposo con il punteggio di 2 a 1 per il Livorno. Il leitmotiv non cambia nemmeno nel secondo tempo. Ai labronici bastano appena cinque giri di lancette per mettere in ghiaccio la vittoria: Pecchia sfonda sulla destra e mette in mezzo un preciso invito per Frati che non si fa pregare e sigla la sua prima rete in campionato dopo quella realizzata nel derby di Coppa Italia con l’Armando Picchi. Di fatto l’incontro termina qui, con il Livorno a controllare il gioco e la Colligiana a cercare spazi tra le maglie avversarie. Espulso Pecchia per proteste, che salterà il turno infrasettimanale con il Ponsacco. Con i tre punti di oggi e con il contemporaneo pari interno della Cuoiopelli, il Livorno torna solitario in testa al Girone B, in attesa di capire su quale campo sarà disputato il prossimo incontro casalingo con il Tuttocuoio.

Proprio Cuoiopelli e Tuttocuoio sono protagoniste del match più interessante di giornata: al Masini di Santa Croce sull’Arno va in scena una delle partite più belle del campionato tra due delle migliori squadre del torneo. Otto reti per un pareggio che serve però a poco ad entrambe visto il successo del Livorno nel posticipo delle 17. Partenza micidiale dei neroverdi, che già al 5’ pt sono avanti 0 a 2 con la prima rete di Agudiak ed il tocco sottomisura di Azzinnari. La Cuoio si scuote nello spazio di un respiro e risponde con un altro uno-due firmato dalla coppia Falchini-Cornacchia; neanche dieci minuti di gioco ed il punteggio è già sul 2 a 2. Al 44’ pt arriva il nuovo vantaggio ospite, manco a dirlo ancora una volta con Agudiak: l’argentino si dimostra attaccante vero fulminando Lampignano ed eludendo l’intervento di Martinelli. Due a tre alla fine di quarantacinque emozionanti e ricchi di spettacolo. Il duello personale tra Falchini ed Agudiak si rinnova anche nella seconda frazione: al 9’ il bomber mette dentro il rigore del 3 a 3, ma l’ex Giarre risponde per le rime dieci minuti dopo con una staffilata che rimette una rete di differenza tra i suoi e la Cuoiopelli. L’ultima emozione arriva al 43’ st grazie a Bracci che, dopo il pari in extremis con il Livorno, infila Muscas per il definitivo 4 a 4. La Cuoio abbandona la testa della classifica ma resta in scia degli amaranto, il Tuttocuoio manca la possibilità di avvicinare la vetta e resta al terzo posto assieme al Fratres Perignano bloccato sullo 0 a 0 dal Fucecchio.

I bianconeri, guidati in panchina dal neotecnico Lazzerini ed in campo da uno straordinario Folegnani, dominano per larghi tratti la partita e mancano l’appuntamento con la vittoria soltanto per imprecisione negli ultimi sedici metri. I rossoblu interrompono la serie di due sconfitte ma vedono allontanarsi il Livorno capolista: sono ora sette i punti di ritardo dai labronici; secondo 0 a 0 consecutivo per il Fucecchio che mette nel sacco un altro punto utile per la lotta salvezza. Mercoledì al Corsini arriva il Certaldo, un derby che andrà ben oltre il semplice campanilismo.

Alle spalle della coppia Tuttocuoio-Fratres l’Armando Picchi di Neri ed il San Miniato Basso di Chiaramonti.

Il capitano biancoamaranto è l’autore del gol che permette all’Armando Picchi di espugnare il difficile campo dell’Atletico Cenaia: lo 0 a 1 finale è ossigeno puro per i livornesi che balzano così al quinto posto e che possono aspirare ad un posto nei playoff. Gli arancioneroverdi restano a secco per la terza giornata di fila ed allungano una striscia negativa che dura ormai da sei partite, nelle quali hanno raccolto quattro punti segnando appena due reti a fronte di quattro subite.

Altro pari di giornata l’1 a 1 del Pagni di San Miniato: i giallorossi macinano gioco ed occasioni trovando la rete che sblocca il punteggio al 42’ pt con Chiaramonti, al settimo sigillo stagionale. Nel secondo tempo gli uomini di Collacchioni sfiorano il raddoppio con Santagata, Mancini e Ciravegna. Il Ponsacco sfrutta l’unica vera occasione del match per andare a segno con Cosi, bravo a riprendere una corta respinta di Battini su Tavano. Si ferma a tre la striscia di successi del San Miniato Basso, costretto al secondo pareggio interno dopo quello con il Fratres Perignano (2 a 2); i rossoblu tornano a fare punti dopo tre settimane. Mercoledì altro test importante contro il Livorno di Ferretti e soci.

Tredici punti per il ritrovato Castelfiorentino che passa anche sul campo del Certaldo con le reti di Iaquinandi e Marinari; i viola vanno in vantaggio al 12’ pt con Bandini che sfrutta una indecisione di Lisi sul tiro di Kamberi, ma l’1 a 0 sortisce la reazione degli ospiti che non tardano ad agguantare il pareggio con il fantasista ex Scandicci, alla prima rete in questa stagione. Lo stesso Iaquinandi al 20’ st trova la deviazione aerea di Marinari che batte Orsini. Sei punti nelle ultime due partite, nove nelle ultime cinque con zero sconfitte e con una forma ritrovata dopo il terribile inizio di campionato: questo lo score del sorprendente Castelfiorentino, una formazione che avrà ancora molto da dire in questo torneo.

Si torna in campo Mercoledì 8 con Armando Picchi-Fratres Perignano e Tuttocuoio-San Miniato Basso; il Livorno impegnato a Ponsacco, l’Atletico Piombino alla disperata ricerca di punti sul campo della Colligiana.

Questi i risultati dell’undicesima giornata:

Atletico Cenaia - Armando Picchi 0-1

Certaldo - Castelfiorentino 1-2

Cuoiopelli - Tuttocuoio 4-4

Fratres Perignano - Fucecchio 0-0

San Miniato Basso - Ponsacco 1-1

Livorno - Colligiana 3-1

riposava: Atletico Piombino

La classifica: Livorno 23 punti; Cuoiopelli 21; Tuttocuoio e Fratres Perignano 16; Armando Picchi e San Miniato Basso 15; Atletico Cenaia 14; Castelfiorentino 13; Fucecchio, Certaldo e Ponsacco 10; Colligiana 8; Atletico Piombino 5. Atletico Cenaia e Colligiana una partita in più.

Il prossimo turno:

Armando Picchi - Fratres Perignano

Castelfiorentino - Cuoiopelli

Colligiana - Atletico Piombino

Fucecchio - Certaldo

Ponsacco - Livorno

Tuttocuoio - San Miniato Basso

riposa: Atletico Cenaia

La classifica cannonieri: Ferretti (Livorno) e Falchini (Cuoiopelli) 9 reti; Chiaramonti (San Miniato Basso) ed Agudiak (Tuttocuoio) 7; Bracci (Cuoiopelli) e Remedi (Atletico Cenaia) 6; Torromino (Livorno), Torrente (Castelfiorentino), Andolfi (Fratres Perignano) e Neri (Armando Picchi) 5.