Serie D. Braccini, Pro Livorno: "Ultime prestazioni non all'altezza, rigore contro incredibile"

01.04.2021 19:41 di Lorenzo Palma Twitter:    Vedi letture
Serie D. Braccini, Pro Livorno: "Ultime prestazioni non all'altezza, rigore contro incredibile"

Livorno - Oggi la Pro Livorno Sorgenti ha perso 3 a 2 in casa di un non irresistibile Sasso Marconi in seguito ad una prestazione sottotono, come nelle ultime uscite. Uomo partita è Rrapaj, numero 11 giallo-blu che mette a segno una tripletta che vale i 3 punti e la rincorsa concreta alla zona playout, tra i livornesi da segnalare l’espulsione di Brizzi per doppia ammonizione. Il direttore sportivo della Pro Livorno, Marco Braccini, commenta il match di oggi premettendo che “Abbiamo tanti assenti, ben 7, tra cui Carani che ha finito la stagione, abbiamo quindi portato dei 2003 e dei 2004, ciò nonostante potevamo fare meglio, le nostre ultime prestazioni non sono alla nostra altezza, anche perché l’avversario di oggi era veramente modesto. Il primo tempo chi non è di parte lo definirebbe ‘pirotecnico’ ma direi più zeppo di errori, abbiamo subito il gol al 15’ con un po' di sfortuna perché Vozza è uscito coi pugni e la palla ha centrato il petto di Rrapaj e la palla è rimbalzata lentamente in rete, abbiamo avuto un’occasione con Camarlinghi su cui è stato molto bravo il portiere e un’altra con Rossi che non ha trovato lo specchio. Nell’occasione del rigore Camarlinghi ha seminato il panico nella difesa avversaria, come fa sempre lui, e ha guadagnato il calcio di rigore trasformato da Rossi. Pensavo che andassimo crescendo anche nel finale del primo tempo e anche se non eravamo brillanti si notava la nostra superiorità tecnica. Invece al 40’ l’arbitro assegna una punizione dal limite e noi, un po' per ingenuità, rimaniamo fermi perché Costanzo, che poi uscirà nell’intervallo a causa dell’infortunio, rimane a terra ma Rrapaj va subito sul pallone e batte Vozza. Nel 2’ di recupero su un doppio tiro Mancini riesce a segnare il 2 a 2.”

Nella ripresa le cosse non riescono a mettersi per il meglio per i labronici: “Mi aspettavo che affrontassimo la ripresa in maniera più gagliarda, non è andata così un po' per colpa nostra, un po' perché l’arbitro ha arbitrato in maniera chirurgica, al 5’ ha fischiato un calcio di rigore a mio dire incredibile e i due gialli a Brizzi in 15’… vabbè mi lasciano quantomeno perplesso. Noi in inferiorità numerica ci abbiamo messo tanta buona volontà ma anche tanta confusione abbiamo avuto la palla del 3 a 3 solo nei minuti di recupero, se non consideriamo il contropiede di Rossi fermato dal guardalinee partito secondo me in posizione regolare, in un momento in cui erano chiusi nella loro area con Turini che dal dischetto ha strozzato il pallone e la palla è terminata sul fondo.”