La Libertas 1947 pronta a lasciare il segno in Serie B

20.08.2021 22:09 di Jacopo Morelli Twitter:    vedi letture
La Libertas 1947 pronta a lasciare il segno in Serie B
© foto di Jacopo Morelli per Amaranta.it

Livorno - Se nei gloriosi anni passati la Libertas 1947 Livorno poteva essere associata al film “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino, quest’anno, in vista di un campionato di Serie B impegnativo, il film più adatto è il famoso “Ritorno al futuro”. A primo impatto per un osservatore esterno, le analogie tra il protagonista Marty Mcfly e la squadra non sono molte, ma Edoardo Tamalio, direttore sportivo della squadra, è riuscito a far riflettere in questo slogan le tappe più significative della storia della società, utilizzandolo anche per promuovere la nuova campagna abbonamenti.

“Abbiamo scelto questo slogan perché ricordiamo, insieme al coach Alessandro Fantozzi, la gloriosa storia che contraddistingue questa società, ma allo stesso tempo saremo sempre proiettati verso il futuro. Sarà entusiasmante poter accogliere nuovamente i tifosi al palazzetto dopo tanto tempo.

Un girone A difficile per la Libertas 1947, che secondo le parole del coach Fantozzi, avente anche un passato da giocatore con la maglia di questa squadra, darà del filo da torcere alla rosa, visto che molte squadre sono riuscite a rinforzarsi molto.

"Dobbiamo rimetterci in moto per arrivare al massimo della nostra condizione, i nostri giocatori sono forti e difficili da fermare. Non voglio fare grandi promesse, desidero solo una squadra grintosa. Vivere questi luoghi nuovamente, anche se da allenatore, mi fa viaggiare tanto con la memoria, sono contento di essere qui. I tifosi? Sono l’essenza dello sport, dovremo far sì che si possano riconoscere in noi.” La forza del gruppo sarà fondamentale quest’anno, dato che la società ha voluto dare un segnale importante confermando nuovamente molti giocatori della passata stagione, che hanno saputo accogliere al meglio i nuovi innesti, tra i quali Ivan Morgillo, che ha un curriculum da invidiare sul parquet. Morgillo, che conta ben 2,06 metri di altezza, è uno dei giocatori più affidabili per affrontare la Serie B, e Fantozzi, che ha già avuto il ragazzo a Fabriano, non ha esitato nel chiamarlo a giocare con la maglia della Libertas.

Le parole di Morgillo: "Il gruppo mi ha accolto bene, tutti hanno molta voglia di fare bene. Livorno è una piazza importante per il basket, speriamo di riuscire a portare la Libertas dove merita". Dopo lo scorso anno quindi, è arrivato il momento di mettere la ciliegina sulla torta, riuscendo a saltare quel metro in più che serve per poter toccare le stelle. Per fare questo però, è importante che la squadra viva nell’atmosfera giusta, dove nell’entusiasmo di giocare si possa trovare anche la forza di riuscire ad affrontare quelle difficoltà che sono presenti in una stagione, evitando di affondare.

Anche Francesco Forti, capitano della squadra, è soddisfatto del gruppo che giocherà la Serie B, in un calendario che vedrà la Libertas scontrarsi con i cugini neopromossi della Pielle, in un derby labronico che sarà caldissimo, in vista anche del ritorno dei tifosi al palazzetto. “Siamo carichi e pieni di stimoli, inoltre i nuovi innesti si sono inseriti bene. Il derby sarà emozionante, una partita a sé. La Pielle è una bella squadra, dovremo essere bravi a non farci infastidire.

"La stagione è alle porte, e la Libertas Livorno è pronta a riscrivere quel sogno che la scorsa stagione è sfuggito per poco, nel ricordo di chi, con questa maglia è riuscito a vincere ed entrare nella storia, ma con l’ambizione ed il coraggio di guardare avanti, in un “Ritorno al futuro” che si prepara ad essere esaltante.