Maxi squalifica per Vantaggiato, fermati anche Pulidori e il manager Protti

04.11.2021 17:29 di Paolo Verner Twitter:    vedi letture
Daniele Vantaggiato
Daniele Vantaggiato
© foto di Lorenzo Palma, Amaranta.it

Livorno - Come ogni giovedì, ecco calare la mannaia del Giudice Sportivo regionale. Questa volta la mano pesante del sanzionatore è caduta sulla testa di Daniele Vantaggiato, espulso durante la partita tra Fratres Perignano e Livorno, nella quinta giornata del campionato di Eccellenza, girone B, a metà del secondo tempo. In base al referto arbitrale del signor Alessio Mauro, al forte attaccante sono state inflitti ben quattro mesi di squalifica, per aver ingiuriato e offeso il direttore di gara e aver spinto un proprio compagno addosso all'arbitro, facendolo indietreggiare di un metro.

Una giornata è stata comminata al portiere Pulidori, espulso nell'azione che ha causato il rigore per il Perignano, e ben tre mesi di squalifica al club manager Igor Protti, reo di essere entrato nello spogliatoio dell'arbitro a fine partita.

Essendo stati spettatori della partita, avendo fatto la telecronaca, non ci siamo accorti del parapiglia che avrebbe causato Vantaggiato. Sinceramente ci sorprende la pesantezza con la quale è stato stilato il referto arbitrale. Sconcerto maggiore, ci causa l'inibizione inflitta a Protti, dirigente sempre corretto e civile.

Starà alla società preparare il doveroso ricorso per ottenere un cospicuo sconto delle pene sportive. Ad ogni modo, il Livorno ha in se la forza tecnica per superare questo tipo di impedimento e continuare senza problemi la sua corsa promozione.

L'invito ai tesserati amaranto è quello di mantenere sempre i nervi saldi. Questo campionato non è certo un pranzo di gala.