Libertas 1947, Fantozzi: "Mi stupisco delle emozioni che provo ancora"

17.07.2021 12:37 di Lorenzo Palma Twitter:    vedi letture
Libertas 1947, Fantozzi: "Mi stupisco delle emozioni che provo ancora"
© foto di ilbasketivornese.it

Livorno – Oggi la Libertas Livorno ha presentato il nuovo allenatore per la prossima stagione, si tratta di Alessandro Fantozzi, storico playmaker e bandiera della società labronica. La presentazione si è tenuta al “Chioschino” di Villa Fabbricotti in presenza della stampa e della tifoseria, a parlare oltre a Fantozzi sono il direttore sportivo Paolo Capitani, il presidente Roberto Consigli e il dirigente responsabile della prima squadra Gianluca Mannucchi.

Inizialmente prende la parola il presidente che afferma: “È un momento che tutti i libertassini speravano, penso che sia anche il coronamento di un percorso che ha fatto questa società, ora dobbiamo puntare ancora più in alto, questa città ha bisogno del nostro abbraccio e noi siamo pronti a darglielo, i protagonisti di questa stagione sarete voi, la città di Livorno, questo è anche il senso storico di avere dei ragazzi livornesi e libertassini, un progetto umile ma ambizioso, il nostro nuovo coach se riesce a trasmettere tutta la grinta e la passione che ha per questa maglia sarà una grande stagione.”

La parola passa poi al d.s. che racconta di: “Essere sempre stato un libertassino, non potevo dire di no alla mia squadra del cuore, ci ho pensato 5 minuti quando mi hanno chiamato a giugno, l’arrivo di un d.s. a tempo pieno dimostra che questa società ha intenzione di fare sul serio e di investire. Abbiamo un grande pubblico, forse il più grande della nostra categoria”.

Continua poi il discorso il neo-allenatore Alessandro Fantozzi: “Sono estremamente felice di essere tornato alla libertas, mi sono sempre stupito e mi continuo a stupire che le emozioni che abbiamo vissuto negli anni 80 e 90 sono sempre vive, la squadra si identificava nei tifosi e i tifosi si identificavano nella squadra, ciò che mi ha convinto ad accettare è che le emozioni ad oggi sono sempre le stesse, spero di vedervi numerosi al palazzetto a aiutarci a tornare in alto.”

Infine Mannucchi chiude brevemente parlando dell’allontanamento di Garelli afferma che: “È arrivato in totale sintonia, Alessandro ha allenato in questa categoria per una ventina d’anni, una scelta di cuore ma anche di testa.”

L’ultimo a parlare è il capitano Francesco Forti:” Quando sono andato a parlare col mister avevo un po' i brividi dai racconti che mi faceva babbo, ho detto a Alessandro che so che non sarà facile, che avremo più pressione dell’anno scorso ma vogliamo vincere, non ce ne sono vie di mezzo, questi colori devono tornare come meritano. Non so dove punteranno le altre società di Livorno ma so che saranno due partite che giocheremo alla morte , è tanto tempo che aspettiamo di fare un derby ma sarà una cosa in più, il nostro obbiettivo principale dev’essere vincere e tornare dove ci compete.”