Occasione persa

 di Luca Aprea Twitter:   articolo letto 236 volte
Occasione persa

Livorno – Niente da fare. Il Livorno perde l'ennesima occasione del suo campionato non andando oltre lo 0-0 sul campo del Pontedera. Un pareggio che compromette la rincorsa al secondo posto della Cremonese (adesso a una sola lunghezza da un'Alessandria ormai sulle gambe) e che impedisce al Livorno di approfittare dell'auspicato pari nello scontro diretto tra Arezzo e Giana.

Che il “Mannucci” fosse terreno ostile e storicamente avverso ai colori amaranto era cosa risaputa e nessuno aveva messo in conto di fare una scampagnata ma il Livorno, ancora una volta, ha mostrato tutti i suoi attuali limiti. In primis la questione dei penalty: cambiano i rigoristi ma il risultato non cambia. Stavolta a fallire è stata una prima scelta come Vantaggiato. E con questo siamo arrivati al quinto errore, il quarto consecutivo. Il solo pensiero dei punti persi in questo modo fa venire davvero il sangue amaro.

In ogni caso il match disputato dagli amaranto è stato tutt'altro che brillante e il pareggio alla fine è stato il giusto epilogo di un match equilibrato e con pochi squilli in cui il Pontedera ha potuto anche recriminare per la clamorosa traversa centrata nel finale dopo l'errore dal dischetto amaranto.

Adesso cuore e testa all'anticipo di Pasqua contro il Tuttocuoio: mancherà Borghese, espulso per un fallo di reazione (evitabile). Ed è un campanello d'allarme che il Livorno non deve sottovalutare: guai a perdere la testa. La rabbia e la frustrazione per una stagione tormentata e per i molti punti persi non deve far passare in secondo piano che non tutto è perduto e che l'obiettivo, attraverso i playoff, è tutt'altro che sfumato. Nervi saldi Livorno, è ancora tutto da giocare.