Coronavirus, Grassani: "Con i campionati annullati i titoli non valgono"

24.03.2020 13:41 di Marco Ceccarini   Vedi letture
Coronavirus, Grassani: "Con i campionati annullati i titoli non valgono"

Livorno – L'avvocato Mattia Grassani, uno dei massimi esperti italiani di diritto sportivo, attualmente consulente legale del Napoli, in una intervista rilasciata al Corriere dello Sport in edicola oggi, martedì 24 marzo, nell'evidenziare l'eccezionalità della situazione che si sta vivendo in Italia a causa del coronavirus Covid-19 con la sospensione di tutte le attività sportive, ha chiarito che, se il campionato italiano di calcio venisse annullato, non vi sarebbero, conseguentemente, promozioni o retrocessioni da una categoria all'altra, mentre se venisse ritenuto validamente concluso, ossia “fotografato” al momento della sospensione, varrebbero le posizioni acquisite a tale data.

“Non esistono normative o regolamenti in materia che ci consentano di rispondere con certezza nero o bianco”, ha affermato Grassani dando risposta a una domanda sul come andrebbe risolta la questione dello scudetto. “Dico solo che, se un campionato non si conclude, può essere annullato, e, se viene annullato, non ci sono titoli sportivi da assegnare. Invece, se viene ritenuto validamente concluso ad una determinata giornata, vale la classifica sino a quel momento maturata”.

La “foto” delle classifiche al momento della sospensione dei campionati, ossia il congelamento delle stesse, consentirebbe di procedere all'assegnazione, oltre che del titolo nazionale, anche delle promozioni e delle retrocessioni in qualunque categoria del calcio italiano. Ma non è affatto scontato che la Federcalcio, che dovrà agire in accordo con il Coni e in linea con l'Uefa, prenda una decisione del genere, dato che mancano ancora molte giornate al termine della stagione nelle varie categorie calcistiche.