Tifoso austriaco del Livorno chiama la figlia come noi, Amaranta

26.11.2020 16:49 di Chiara Lucchesi Twitter:    Vedi letture
Tifoso austriaco del Livorno chiama la figlia come noi, Amaranta
© foto di Floria Reischauer, Elena Capra

Livorno - La passione per la maglia amaranto ha portato tante testimonianze ai tifosi del Livorno. La notizia che arriva dalla Germania ne è un esempio lampante e segnerà per tutta la vita la protagonista della storia: una bambina appena nata. Padre austriaco e madre italiana, ma non livornese, eppure lui, il padre, ha voluto chiamare la figlia proprio come la nostra testata, Amaranta, in onore del Livorno e della squadra amaranto.

Il 12 novembre scorso è nata all’ospedale Saint Joseph Krankenhaus di Berlino la piccola Liv Maria Amaranta. Tutto nasce dalla passione del suo papà per il Livorno. Infatti, Florian Reischauer, austriaco, ha voluto chiamare sua figlia con il nome femminilizzato del colore della sua squadra del cuore, il Livorno, di cui è tifoso da dieci anni, quando a seguito di una ricerca sulle tifoserie maggiormente antifasciste in Europa decise di venire a Livorno a vedere la partita tra la squadra amaranto, capitanata da Cristiano Lucarelli, e la Lazio. Lì nacque un amore grande che, in accordo con la moglie, Elena Capra, piemontese, si è trasfornato in quest'ulteriore atto d'amore: il nome Amaranta alla bambina.

"Grazie mille", ci ha detto quando lo abbiamo contattato per avere una foto da pubblicare e per farci raccontare questa meravigliosa ed incredibile storia. "Saluto gli amici ed i compagni di Livorno ed i tifosi della squadra amaranto".