La presentazione. Livorno-Novara, basterà il grande cuore amaranto?

20.10.2020 21:22 di Luca Aprea Twitter:    Vedi letture
La presentazione. Livorno-Novara, basterà il grande cuore amaranto?

Livorno – Difficile, difficilissimo. Secondo turno infrasettimanale per il Livorno che dopo l'eroico pareggio strappato in Sardegna con una rosa ridotta ai minimi termini affronta il Novara, una delle big del girone. Inutile girarci intorno, come ha detto mister Dal Canto servirà un'altra impresa per conquistare un risultato positivo. Per questo gruppo, numericamente, giocare più di una partita settimana è davvero come scalare una montagna: basta ricordare la trasferta di Piacenza dove si è visto forse il Livorno più in disarmo della stagione, ovviamente non certo per colpa di squadra e tecnico.

E a differenza del Piacenza, che non se la passava benissimo con buona parte della squadra positiva al Coronavirus, il Novara scende all'Ardenza tonico e...arrabbiato. Gli azzurri dopo una striscia di tre vittorie consecutive nell'ultimo turno si sono fatti sorprendere nel finale dal Pontedera perdendo contatto dalle battistrada e lasciando la vetta della classifica al Renate, peraltro prossimo avversario del Livorno domenica prossima. Un ko che ha scosso parecchio l'ambiente novarese e che ha portato il tecnico Simone Banchieri a un passo dall'esonero. La fiducia però sembra a tempo: in caso di risultato negativo contro gli amaranto il cambio in panchina appare scontato: pronti Sottili e quel Riolfo tanto vicino a sedere su quella del Livorno a settembre.

Per quanto riguarda le formazioni il Livorno dovrà rinunciare ancora all'infortunato Braken e Morelli out anche Fremura. E siccome piove sul bagnato attenzione a Mazzeo, pure lui alle prese con dei problemi fisici. In difesa Marie-Sainte potrebbe dare il cambio a Deverlan mentre in attacco spazio a Murilo, Pallecchi e Marsura, visto in crescendo nel secondo tempo del “Nespoli”. Il Novara dovrebbe disporsi con il 433 con l'esperto Buzzegoli a centrocampo e il tridente formato da Lanini, Panico e Zigoni davanti. E attenzione a un certo Pablo Gonzalez...uno che ha i numeri per “spaccare” la partita.

Fischio di inizio mercoledì alle ore 18.30. Come contro il Lecco anche per la partita col Novara l'Ardenza sarà aperto per mille spettatori. L'appello per chi avrà la possibilità di seguire dai gradoni del “Picchi” la partita è semplice: fatevi sentire, questa squadra ha bisogno di sentire l'affetto dei propri tifosi anche durante i novanta minuti. Lo merita.