La presentazione. Livorno a Salerno per trovare un senso alla stagione

22.02.2020 19:29 di Luca Aprea Twitter:    Vedi letture
La presentazione. Livorno a Salerno per trovare un senso alla stagione

Livorno – Inutile prendersi in giro: la classifica è compromessa e la stagione ormai è andata. Salvo miracoli sarà retrocessione. Tuttavia, per recitare uno dei più abusati luoghi comuni del calcio, finché l'aritmetica non ci condanna c'è il dovere, da parte di tutti, di provarci e, nei limiti del possibile, provare a ritardare il verdetto. E soprattutto evitare di chiudere all'ultimo posto. In un campionato come quello di Serie B, visti i precedenti delle ultime stagioni, non si sa mai. Per carità, le salvezze vanno meritate sul campo e campare sulle disgrazie altrui è deleterio, ma provare a scalare qualche posizione di classifica, è un obiettivo, non foss'altro per evitare un'ulteriore umiliazione.

E allora ecco che la trasferta di Salerno assume improvvisamente ad acquisire un senso che sembrava perduto: giocare e cominciare a fare punti. Provarci, almeno. La prestazione di Udine contro il Pordenone indica la via da seguire, quella della settimana scorsa contro il Cosenza ciò da evitare. All'Arechi i granata, reduci dal ko contro il Chievo, proveranno a riprendere la corsa che li ha portati a stazionare con una certa continuità in zona playoff. Affrontare l'ultima della classe in casa potrebbe indurre i campani a pensare che il match di domenica pomeriggio sia una mera formalità. Al Livorno il compito di dimostrare che non sarà così.

Per quanto riguarda la formazione Breda potrebbe far partire dal primo minuto qualche nuovo acquisto: l'indiziato numero uno dovrebbe essere Simovic. Verso la conferma anche Silvestre. Tra i convocati si rivede Marsura ma difficilmente dovrebbe partire titolare. Abile e arruolato anche Brignola. Out invece Viviani che non partirà con la squadra. In casa avversaria mister Ventura non recupera Cicerelli, out anche Curcio, Heurtaux e Cerci. In attacco spazio al tandem formato da Gondo e dal gigante Djuric ma occhio all'ex Giannetti che potrebbe essere della partita.

Fischio di inizio domenica alle ore 15. Costi quel che costi ma il Livorno deve trovare un senso a quel che resta del campionato anche se, per dirla con le parole di Vasco, questa stagione davvero “un senso non ce l'ha...”