L'ultimo scherzo di Banca Cerea, paghiamo se Navarra se ne va

12.10.2020 20:46 di Carlo Grandi   Vedi letture
L'ultimo scherzo di Banca Cerea, paghiamo se Navarra se ne va

Livorno - Non finisce di lasciare interdetti l'attuale situazione societaria del Livorno calcio. Con il presidente Navarra che già da qualche ora ha alzato bandiera bianca dichiarando che "i giocatori sono liberi da mercoledì alle ore 17", la Banca Cerea continua a mettere la questione societaria davanti alla necessità di sottoscrivere una fideiussione e di garantire la continuità dell'attuale stagione calcistica.

Secondo quanto dichiarato poco fa, la Banca Cerea avrebbe subordinato il pagamento della sua parte di fideiussione "alla rinuncia da parte di Navarra dell'accordo sottoscritto un mese fa, in cui si davano pieni poteri operativi a quest'ultimo". Una dichiarazione che al momento lascia sgomenta la tifoseria, e chi vorrebbe che le diatribe societarie fossero risolte dopo aver garantito le fideiussioni e i pagamenti necessari a poter continuare il campionato attuale. 

Sembra l'ennesima mossa atta a perdere tempo di una cordata mai ben definita, con finanziatrice una Banca che ha parlato e agito da plenipotenziaria sin dal primo giorno, non avendo mai avuto la faccia nè il coraggio di farsi vedere a Livorno nè di parlare con le istituzioni cittadine. 

Ci auguriamo ancora, per il bene del Livorno, che tutta la questione possa trovare uno sviluppo positivo, per quanto miracoloso possa essere al momento, e che in caso negativo le autorità competenti possano vigilare su quanto accaduto e verificare le responsabilità dei protagonisti di quello che sarebbe uno scempio.