Il Livorno torna agli antichi usi e lascia via libera al Venezia, 0 a 2

29.06.2020 23:04 di Marco Ceccarini   Vedi letture
Il Livorno torna agli antichi usi e lascia via libera al Venezia, 0 a 2

Livorno – Il Livorno torna alla sconfitta contro il Venezia all'Ardenza. Dopo l'incoraggiante successo esterno sul campo della Juve Stabia era lecito aspettarsi una prestazione diversa, più grintosa, più determinata. Invece la squadra di Filippini, condotta in campo dal vice Balleri, si è sciolta come neve nel corso del primo tempo.

Tutto è accaduto in quattro minuti. Poco prima del ventesimo il Venezia è andato in vantaggio con Longo, bravo a mettere in rete la palla lanciatagli da Lollo, agganciando da solo e piazzando alle spalle di Plizzari. Il Livorno ha perso la testa. Poco dopo il ventesimo, invece, è stato Maleh a mettere dentro uno splendido traversone che ha trovato l'incornata di Capello.

Nel secondo tempo non accade nulla di particolare. Il Livorno ci prova, alza anche il baricentro, ma il Venezia controlla. E' stata la noia la vera protagonista della ripresa.

Livorno - Venezia 0 a 2 (0 a 2)

Livorno: Plizzari, Delprato, Bogdan (16' st Coppola), Boben, Seck (33' pt Ruggiero), Luci (14' st Trovato), Agazzi, Awua. Marras (6' st Murilo), Braken (34' pt Ferrari), Marsura. A disp. Neri, Ricci, Morelli, Fremura, Pallecchi, Mazzeo. All. Balleri.

Venezia: Lezzerini, Lakicevic, Modolo, Casale (15' st Molinaro), Ceccaroni, Lollo (18' st Zuculini), Fiordilino (12' st Vacca), Maleh (29' st Marino), Longo, Zigoni (13' st Montalto), Capello. A disp. Bertinato, Pomini, Riccardi, Cremonesi, Fiordaliso, Monachello. All. Dionisi.

Arbitro: Ros di Pordenone.

Reti: 18' pt Longo, 22' pt Capello.

Note: ammoniti Marras (L), Modolo (V); angoli 5 a 4 per il Livorno; recuperi 2' pt e 5' st.