Esclusiva. Heller: "Il gruppo Carrano vuol portare in alto il Livorno"

20.10.2020 17:37 di Marco Ceccarini   Vedi letture
Esclusiva. Heller: "Il gruppo Carrano vuol portare in alto il Livorno"

Livorno – Il gruppo Carrano, facente capo all'imprenditore Rosario Carrano, entra da oggi, martedì 20 ottobre, nel Livorno calcio 1915. Vi entra dopo aver acquisito il 34 per cento delle quote che fino alla mezzanotte di ieri sono appartenute alla società Sicrea. Le operazioni sono state condotte dal consulente finanziario Danilo Mariani, che è riuscito a muoversi con grande equilibrio in un contesto a dir poco complicato. Se tutto va come dovrebbe, il prossimo presidente del Livorno, dopo il breve interregno di Rosettano Navarra, sarà Giorgio Heller, uomo di calcio e finanziere, già presidente del Trapani.

A Heller, che presiede la fondazione Roma Capitale Investments, Amaranta.it ha chiesto in esclusiva di chiarire la portata dell'ingresso del gruppo Carrano nel Livorno e di parlare dei programmi che il medesimo gruppo ha per la squadra amaranto.

“Sì, è vero, con oggi siamo a tutti gli effetti soci del Livorno”, chiarisce subito Heller. “Siamo emozionati. Per noi si tratta di un momento molto importante. La prima cosa che voglio fare è mandare un grande saluto ai tifosi di questo storico club. Il messaggio che vogliamo far pervenire è che noi veniamo a Livorno con le migliori intenzioni ed ambizioni e con l'obiettivo di far risalire questa squadra a cominciare dal rimetterla nella giusta carreggiata nel campionato in corso”.

Tuttavia, prima di addentrarsi negli aspetti tecnici e sportivi, Heller si sofferma sulla questione societaria: “Noi entriamo con il 34 per cento delle quote ma abbiamo stipulato un patto di maggioranza con l'attuale vicepresidente Aimo cosicché possiamo da subito disporre di una maggioranza pari al 52 per cento”. E ancora: “Le prossime tappe sono chiare. Lo statuto societario prevede che il consiglio d'amministrazione rimanga in carica fino a quando l'assemblea non ne nomina un altro. La data della prossima assemblea è il 23 ottobre. Ma se Navarra, nell'interesse della piazza, presentasse oggi o domani le dimissioni, permettendo di accorciare i tempi e quindi di intervenire subito nella gestione del club, noi potremmo con tempestività covocare una assemblea e designare un nuovo consiglio di amministrazione con l'elezione del nuovo presidente il quale, in qualità di rappresentante legale, potrebbe immediatamente operare riguardo alle scadenze che il club deve onorare da qui alla fine del mese”.

Il nuovo assetto societario del Livorno è costituito dal gruppo Carrano proprietario del 34 per cento delle quote, da Navarra che possiede il 21 per cento, Silvio Aimo il 18 per cento, Mauro Ferretti il 17 e la Spinellinvest di Aldo e Roberto Spinelli con il 10 per cento delle quote sociali. Heller precisa che “non si escludono prossimi accordi con Ferretti” e che “siamo disposti ad acquisire le quote di tutti gli attuali altri soci del Livorno”.

“In ogni caso”, precisa Heller, “se non sarà possibile, almeno in una prima fase, acquisire tutte le quote, saremmo felici se riuscissimo a convivere con tutti, a cominciare da Navarra, che rimane proprietario di un quinto della società”. E poi: “Passati i momenti burrascosi, considerato che il confronto anche aspro ci può stare, bisogna adesso stringere i tempi e gli intenti, tutti assieme, per fare in modo che il Livorno possa ottenere, da subito, i migliori risultati”.

Il gruppo Carrano, società che gestisce il consorzio Valli Italiane specializzato in particolare nell'e-commerce di prodotti agro-alimentari, ha interessi da sviluppare nel Centro e nel Nord Italia. Da qui, l'attenzione verso il Livorno. Un interesse forte, diretto, concreto, tanto che Rosario Carrano, il presidente del consorzio, sarà il nuovo amministratore delegato del Livorno.

“Sul piano tecnico abbiamo progetti in corso di approfondimento con il diesse Rubino, che gode della nostra fiducia, al quale abbiamo dato mandato di rafforzare la squadra”, aggiunge Heller. “Per quanto riguarda l'allenatore, invece, Dal Canto non è in discussione”. A questo proposito, oltre ad annunciare il ritorno di Raffaele Rubino nella carica di direttore sportivo, nei giorni scorsi Heller ha detto di voler parlare con l'attuale direttore sportivo, Vittorio Cozzella, per individuare una soluzione, mentre sul tecnico Alessandro Dal Canto, capace di far esprimere al meglio un ristretto gruppo di giovani calciatori con soli tre o quattro giocatori di esperienza, Heller ha solo parole di elogio: “Finora ha compiuto un miracolo. Adesso dobbiamo dargli un organico degno di questo nome”. A questo proposito sembra certo, fin dai prossimi giorni, l'arrivo del difensore Luca Pagliarulo, ex Trapani.

“Domani sera verrò a Livorno”, conclude Heller. “Mi auguro di assistere a una gran bella festa. Sono consapevole che senza il gran lavoro di Mariani non avremmo potuto raggiungere il risultato che ci eravamo prefissati”. E la chiosa: “Noi non vediamo l'ora di poterci mettere concretamente al lavoro e regalare ai tifosi amaranto una squadra competitiva e soprattutto un futuro degno di questo nome per una società che ha rappresentato e rappresenta qualcosa di importante nel calcio italiano”.