Dopo il Cda arrivano le picconate di Navarra: "Spinelli ha fatto il bottino"

23.10.2020 21:54 di Carlo Grandi   Vedi letture
Dopo il Cda arrivano le picconate di Navarra: "Spinelli ha fatto il bottino"

Livorno - E' un Rosettano Navarra carico di fiele quello che è intervenuto all'interno della trasmissione " Senza Sconti" di Alessandro Guerrieri. L'ex presidente amaranto, ora dimissionario, non risparmia nessuno nelle sue critiche, dando seguito a quanto disse alla stampa a margine della gara contro i Lecco.

"L'unico vincitore di questa situazione è Aldo Spinelli" - esordisce l'imprenditore di Ferentino -" ha intascato un milione e mezzo di euro e ha lasciato questa società in un mare di debiti. Faccio mea culpa per non aver fatto la due diligence, fidandomi e forse restando ammaliato dal nome e dalla caratura di Spinelli. Da oggi rimango con il 21%, per la gestione del quale ho nominato un mio delegato in attesa di liberarmi da questo peso".

Rosettano Navarra va poi a ruota libera: " Ho già versato 500mila euro in questa squadra; al momento del mio ingresso sono emerse passività per oltre 4 milioni di euro della precedente gestione. Pare proprio che il commendator Spinelli abbia posposto tutto quello che poteva posporre da febbraio ad oggi, e lasciato a noi l'incombenza di coprire tutte queste spese. Adesso spero che chi ha la maggioranza si faccia carico di queste spese e faccia il possibile per mettersi in regola con il pagamento degli stipendi e di tutto quello che non è stato versato sinora".

Ancora continuano le accuse dell'ormai ex presidente amaranto: " Non si vive di ricordi, che abbia fatto grande il Livorno è storia; ma oggi ha venduto una società sommersa nei debiti senza che fosse eseguita una due diligence, passività che noi soci abbiamo onorato solo in parte. Fortunatamente siamo riusciti con Cozzella a monetizzare la cessione di alcuni giocatori, su tutti Bogdan che Rubino aveva venduto per 300 mila e su cui io ho alzato il prezzo a 400mila euro". 

Un intervento che addensa tante, troppe nubi sul futuro del Livorno calcio, e sulle quali si attende una replica dei diretti interessati alla vicenda.