Dal Canto: "Dobbiamo guardarci dietro in classifica, non davanti"

13.11.2020 17:53 di Carlo Grandi   Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Dal Canto: "Dobbiamo guardarci dietro in classifica, non davanti"

Livorno - Vigilia del derby toscano tra Livorno e Carrarese, gara che rievoca piacevoli ricordi ai tifosi amaranto (il pareggio per 1 a 1 che regalò la promozione in B di 3 stagioni orsono è l'ultimo precedente tra le due squadre), e il tecnico labronico Dal Canto si è presentato ai microfoni per la consueta intervista pre-gara.

"Domani ci aspetta una gara difficile, contro una squadra creata per fare bene ed essere in lotta per la promozione. Per noi sarà la quinta gara in tredici giorni: abbiamo pochi margini di recupero ed anche qualche giocatore acciaccato. Porcino, ad esempio, non è convocato per un problema fisico".

Sulla mancanza di Agazzi, cuore e polmoni del centrocampo amaranto: " E' molto probabile che a centrocampo ci sarà Piccoli. Per Bussaglia speriamo di recuperarlo per Grosseto, almeno per la panchina".

Un breve flash sulla vittoria di mercoledì scorso contro la Giana Erminio e sulla buona prestazione fatta: "Come disposizione ci siamo abbastanza vicini, ma dobbiamo lavorarci ancora. Anche la Giana in alcuni momenti ci ha messo in difficoltà. Quando saremo pronti con tutta la rosa, potremo lavorare meglio e limare quelle situazioni dove siamo carenti".

Sul campionato invece il mister è chiaro: "Non sono d'accordo su chi dice che la qualità del girone A sia inferiore rispetto agli altri raggruppamenti. E' una stagione equilibrata ed anche i risultati dell'ultimo turno lo dimostrano. E' il terzo anno di fila che faccio questo girone, l'organizzazione difensiva e la grinta sono fondamentali".

Un pensiero alle penalizzazioni che arriveranno e che complicheranno l'attuale classifica: "Siamo abituati a questo pensiero. Sappiamo che potrebbe toccarci. Proprio per questo continuo a dire che dobbiamo guardare indietro e non davanti alla classifica, pensando solo a fare più punti possibile. Siamo preparati a combattere contro ogni squadra, restando sempre concentrati e senza mollare niente. Anche domani dovrà essere così".

Infine, due parole sulla Carrarese dei tanti ex, su tutti Andrea Luci: " E' una squadra con molti calciatori di alto livello. Da quattro anni lotta per il vertice della classifica. L'allenatore è un mio amico, è molto bravo e preparato. I risultati che ha ottenuto parlano per lui. Luci ha un curriculum di alto livello, è stato una bandiera del Livorno, ma anche di tutto il calcio italiano. Oggi Luci gioca per un'altra squadra, ma quello che ha fatto per Livorno non lo cancellerà mai nessuno".