Caso Yousif, la Sharengo Italia prende le distanze: "Estranei ai fatti"

28.05.2020 21:33 di Ercole De Santi   Vedi letture
Caso Yousif, la Sharengo Italia prende le distanze: "Estranei ai fatti"

Livorno - La Sharengo Italia, alla luce delle vicende giudiziarie che hanno coinvolto il ceo e leader aziendale in Olanda, Maid Yousif, prende le distanze dai fatti accaduti attraverso un comunicato che la redazione di Amaranta.it ha reperito tramite fonti giornalistiche.

Questo il testo della nota stampa: "A seguito delle notizie apparse su alcuni media olandesi e italiani relative alle perquisizioni e al sequestro di alcune auto di proprietà dell'imprenditore Majd Yousif in Olanda, Sharengo Italia ed i suoi dipendenti intendono ribadire  la loro completa estraneità alla vicenda. L'inchiesta, che riguarda le attività olandesi di Majd Yousif e di cui siamo venuti a conoscenza solo lo scorso 26 maggio ci ha colti di sorpresa. In attesa di conoscere quanto prima gli ulteriori sviluppi delle indagini della magistratura e della polizia olandese, Share'Ngo Italia ed i suoi dipendenti si riserveranno il diritto di tutelarsi nelle sedi più opportune".

A seguito dei fatti che hanno visto coinvolto Yousif, che stava trattando l'acquisto del Livorno dopo che l'imprenditore libano-olandese era stato presentato al patron amaranto Aldo Spinelli dal sindaco Luca Salvetti, la trattativa per il passaggio del club sembra definitivamente naufragata.