Caso Yousif, il mistero si infittisce

27.05.2020 15:23 di Carlo Grandi   Vedi letture
Caso Yousif, il mistero si infittisce

Livorno - Da ieri mattina tutta la Livorno calcistica è col fiato sospeso dopo aver appreso la notizia dell'irruzione della polizia nei locali di proprietà di Majd Yousif, attuale CEO di Sharengo e possibile futuro acquirente del Livorno calcio. 

Secondo quanto riportano alcune testate giornalistiche olandesi di primo piano, su tutte il Telegraaf,il comune di Rotterdam avrebbe avuto non pochi problemi con la fornitura dei veicoli elettrici firmati Share'nGo nell'ultimo anno.

Infatti, dal luglio 2019, data in cui il consorzio ha stipulato un accordo per la fornitura di 20 auto elettriche da parte della compagnia di Majd Yousif, ad oggi le auto non hanno mai effettivamente circolato in città, rimanendo ferme ai box per problematiche varie.
Ma c'è di più; alla richiesta di provvedere alla sostituzione,e in un secondo tempo all'aumento della fornitura di auto (dalle 20 iniziali alle 150 previste da contratto nei 12 mesi successivi alla stipula), la compagnia non ha mai di fatto ottemperato alle richieste,nè tantomeno si è resa disponibile alle autorità comunali per discutere sul da farsi. 
Le stesse testate giornalistiche hanno definito la Share'nGo come una "società fantasma" di fatto non operante sul territorio olandese tranne che nella zona di Rotterdam. 

Ciò detto, il coinvolgimento di Yousif, per quanto possa apparire logico, non è ancora del tutto chiaro alle autorità; e ancora si attende il comunicato ufficiale da parte della polizia olandese in merito all'indagine in corso. 

La redazione di amaranta.it seguirà da vicino la vicenda e spera di potervi dare gli ultimi sviluppi questa sera, durante la trasmissione "per l'unione sportiva Livorno" in onda in diretta streaming sulla nostra pagina Facebook.