Lions pronti alla stagione 2019-20, l'importanza del campo Priami

23.05.2019 17:34 di Gabriele Gianfaldoni Twitter:    Vedi letture
Lions pronti alla stagione 2019-20, l'importanza del campo Priami

Livorno - La prima squadra dei Lions Amaranto Livorno è nata nell’estate del 2007 e per i suoi primi 11 anni e mezzo di attività ha disputato le proprie gare casalinghe su impianti gestiti da altri sodalizi. Nel 2007/08 – chiusa con la prima promozione dalla C alla B – gli amaranto, come ‘fortino’ amico, contavano sul terreno di gioco di San Piero a Grado, il campo del CUS Pisa. Successivamente, nelle tre stagioni vissute in B (2008/09, 09/10 e 10/11), i ‘Leoni’ hanno giocato i propri incontri casalinghi sul ‘Montano’ di via dei Pensieri. Poi, retrocessi in C, gli amaranto hanno disputato le partite interne (fino a tutto il 2018), sul terreno ‘Maneo’ di via Settembrini. Sia il ‘Montano’, sia il ‘Maneo’ sono impianti comunali in gestione al Livorno Rugby. Per l’attività giovanile e per gli allenamenti della prima squadra, fino a pochi mesi fa, i Lions utilizzavano solo due campi (quello della via della Chiesa di Salviano ed il ‘Vincenti’ di Montenero Basso) dalle dimensioni ridotte e comunque non fruibili per partite seniores. Il quadro, di colpo, è cambiato con la vittoria ottenuta dalla società dei Leoni nell'estate del 2018 nel bando promosso dal comune di Collesalvetti, per la gestione (otto anni) dell’impianto ‘Emo Priami’ di via Marx a Stagno. Una struttura dalle notevoli dimensioni, a lungo ‘quartier generale’ delle giovanili del Livorno Calcio. Dopo i primi lavori, il campo centrale della struttura è diventato a tutti gli effetti disponibile. Da gennaio in poi, la prima squadra amaranto ha giocato sull’ottimo manto di tale terreno le sue ultime (ottime) cinque partite interne stagionali. Quattro partite (con CUS Pisa, US Firenze, Piombino ed Elba) erano valide per la poule 1 del girone F di C1, la quinta (quella disputata il 5 maggio con l’Olbia) era valida per il ritorno della finale promozione. Tutti incontri finiti con successi convincenti dei padroni di casa con tanto di bonus-attacco sistematicamente conquistato.

Più in generale, nel corso della propria trionfale annata, i Lions hanno ottenuto 14 affermazioni su 14 partite (in 12 occasioni è giunto anche il bonus aggiuntivo). Non c’è la controprova, ma è probabile che, anche senza contare sul ‘fattore Priami’, la squadra allenata da Giampaolo Brancoli avrebbe comunque centrato la promozione in B. Il ‘fattore Priami’, al di là di rendere più agevole il lavoro settimanale allo stesso tecnico ed ai giocatori, è stato però importante anche sul piano extra-tecnico. Troppo spesso, quando si è trovata ‘ospite’ di campi ‘non propri’, l’ambiente amaranto ha faticato a trovare una sua precisa identità. Insomma, i tanti appassionati che ruotano intorno al club, non sentivano ‘proprie’ le strutture sulle quali la prima squadra Lions giocava le partite interne. Il pubblico delle grandi occasioni visto in occasione delle ultime gare casalinghe al 'Priami' non si registrava in precedenza, in occasione degli incontri del ‘Maneo’. La formazione amaranto, intanto, dopo aver allentato la presa subito al termine delle indimenticabili due gare vinte con l’Olbia, riprende, nella prossima settimana, un lavoro sul campo. Ci sarà, anche nel periodo estivo, un programma personalizzato per ciascuno dei numerosi atleti in rosa. Poi, ovviamente, nuova pausa (le meritate ‘ferie’) e intorno al 20 agosto l’inizio della preparazione ‘ufficiale’. Ad ottobre il via al nuovo campionato di B, nel quale, inevitabilmente, ci sarà la necessità di una condizione fisico-atletica al top. Il mirino, nel nuovo torneo, sarà puntato sulla salvezza. Dopo la striscia di 14 vittorie di fila (15 se si include anche l’ultima giornata del campionato 2017/18), si dovrà, inevitabilmente, al cospetto di avversari più solidi ed esperti nella categoria, fare i conti con qualche passo falso. La sensazione, tuttavia, è che questa squadra, con il salto in B (programmato ed inseguito da tempo), non abbia chiuso il proprio ciclo e che anzi possa togliersi nuove soddisfazioni anche prossimamente. Il ‘fattore Priami’ può dare un’importante spinta…