Sala stampa. Lucarelli: “Abbiamo vinto alla livornese”

27.10.2018 19:41 di Luca Aprea Twitter:    Vedi letture
© foto di Dario Fico/TuttoNocerina.com
Sala stampa. Lucarelli: “Abbiamo vinto alla livornese”

Livorno – Sorridente e sollevato. Il volto di Cristiano Lucarelli in sala stampa è quello di chi si è tolto un macigno dallo stomaco. “Oggi si è vista la risposta caratteriale che ci aspettavamo. Si è visto l'atteggiamento giusto, abbiamo giocato 'alla livornese', lottando su tutti i palloni. Purtroppo non siamo riusciti a chiuderla, le occasioni per fare il 2-0 le abbiamo avute ma non le abbiamo sfruttate e la gara è rimasta in bilico. Stavolta anche quel pizzico di fortuna ci è girato bene, ma nel calcio come nella vita, la buona sorte devi essere anche bravo a indirizzarla. E noi oggi siamo stati bravi”.

"Al di là dei moduli – ha aggiunto Lucarelli – oggi abbiamo avuto testa, perché è la testa che fa la differenza, nel bene e nel male, è l'aspetto psicologico che ti consente di andare oltre i propri limiti. Qualche segnale si era visto anche a Benevento ma oggi è parso subito chiaro che era la nostra giornata. Ovviamente è necessario mantenere i piedi per terra: era, è, e resterà difficile. Il campionato di B quest'anno è più equilibrato che mai”.

Sullo striscione di sostegno della Curva Nord: “Mi ha fatto enormemente piacere anche perché secondo me non era strettamente riferito a questioni legate al campo di calcio.. Oggi i tifosi ci hanno dato una grandissima mano, soprattutto negli ultimi 10-20 minuti ci hanno dato una grande carica. Ma questo, lo sappiamo bene, è qualcosa che i livornesi hanno sempre fatto”

Parole al miele per il match winner Pilip Raicevic: “E' un giocatore con un gran fisico, di quelli che con il solo movimento spostano di due metri i difensori. E a differenza di molti attaccanti 'grossi' ha anche una buona tecnica. Si deve convincere di essere forte e che può fare ancora una luminosa carriera. L'unica cosa su cui ancora un po' lo sgrido è la sua tendenza, avendo la smania di giocare più palloni possibili, ad allontanarsi dall'area di rigore dove invece deve essere sempre presente. Non ha fatto il ritiro con noi e per le sue caratteristiche ci ha messo un po' a trovare la forma ma ci può dare davvero una grandissima mano e andare in doppia cifra senza problemi. Oggi il suo gol è arrivato su uno schema provato in allenamento, ero quasi commosso – dice sorridendo - ho controllato fino all'ultimo che ce lo convalidassero...”

Adesso il turno infrasettimanale con la difficile trasferta di Salerno: “Per fortuna giochiamo subito, questa tre partite ci possono portare punti. Voglio, anzi pretendo, continuità di risultati. Se questi arrivano possiamo giocare con più serenità e di conseguenza esprimerci al meglio”.