Quarto tempo. Psicosi 11 metri

 di Emilio Guardavilla Twitter:   articolo letto 259 volte
© foto di Dario Fico/TuttoSalernitana.com
Quarto tempo. Psicosi 11 metri

Pontedera. Arrivati quasi alla fine di un campionato disgraziato sotto molti punti di vista, è difficile capire se siamo stati più penalizzati dagli infortuni o dai calci di rigore sbagliati. In entrambi i casi i numeri sono importanti, non quantificabili con esattezza in punti persi ma sicuramente determinanti. La trafila si ripete anche oggi, a 15’ dalla fine, con il risultato in bilico, in inferiorità numerica e al termine di una partita dura e combattuta. Difficile credere che sia solo una questione di piedi.

Foscarini riesce a far della sottile ironia anche sul quarto rigore consecutivo, il quinto della stagione, e su quel numero x di punti gettati al vento. Poi analizza la gara. – “Sono partite in cui devi essere bravo, cinico e intelligente a sfruttare le occasioni”. Poi guarda avanti, in direzione play off. –“Servono personalità, carattere e lucidità diversi, senza lasciarsi andare”. Tutto quello che non si è visto oggi, per esempio.

Gasbarro prende ciò che di buono si è visto al Mannucci. –“Buona la fase difensiva, non abbiamo preso gol”. Sull'increscioso rendimento dal dischetto: –“Quest’anno siamo stati sfortunati, un po’ “polli” ma sbagliano tutti, i portieri, i difensori, gli attaccanti…”