Qualche intervento e all'Ardenza si può fare la Serie B

12.05.2018 16:41 di Marco Ceccarini  articolo letto 493 volte
Qualche intervento e all'Ardenza si può fare la Serie B

Livorno – L’ex arbitro internazionale e commentatore televisivo Carlo Longhi, ingegnere, è stato a Livorno nella sua qualità di consulente della commissione Impianti della Federcalcio per verificare le condizioni dello stadio ardenzino Picchi e per indicare i lavori da fare per adeguarlo agli standard richiesti dalla Lega di B in vista del campionato di Serie B che scatterà a fine agosto.

Secondo quanto si apprende, non sarebbero emerse particolari criticità o quantomeno quel che ha già annunciato di voler fare il Comune di Livorno, proprietario dell’impianto, sarebbe sufficiente a sgombrare l’orizzonte da dubbi e timori. Una delle questioni da affrontare riguarda il sistema di sicurezza che dovrebbe attivare il generatore di emergenza in caso di blocco dei riflettori. Un’altra, invece, è relativa ai seggiolini ubicati in tribuna che, non avendo uno schienale alto almeno trenta centimetri, non sarebbero a norma. Nel mirino, inoltre, ci sarebbero anche gli impianti igenici e gli spogliatoi ad uso delle squadre.

Già all’indomani della promozione in B della squadra amaranto, l’assessore comunale allo Sport, Andrea Morini, ha annunciato l’intenzione di Palazzo Civico di mettersi al lavoro, assieme alla commissione di Vigilanza, per trovare le soluzioni che servono a garantire l’agibilità all’impianto per la prossima stagione.

“I lavori partiranno a fine stagione e riguarderanno la curva Sud e la prevenzione degli incendi e la sicurezza”, aveva detto ad Amaranta.it l’assessore Morini. Che poi, detto per inciso, aveva aggiunto: “Chiaramente tutto questo è un palliativo perché lo stadio Picchi non ha un futuro. Occorre dare gambe ai progetti che ci sono, e che sono da finanziare, ma sui quali sono ottimista, per la realizzazione del nuovo stadio, dal quale ormai non si può prescindere”.

Nel frattempo, dopo la visita all’Ardenza di Longhi, l’assessore Morini ha affrontato la questione dello stadio assieme a dirigenti e tecnici del Comune. Il dato di partenza è stato che il veloce sopralluogo ha dato sostanzialmente esito positivo e che la volontà di fare gli interventi necessari esiste ed è concreta.

Nessun allarmismo, infine, dal Livorno Calcio, che ha fornito a Longhi la documentazione in merito alle strutture in carico alla società che gestisce lo stadio comunale, il Livorno appunto, tra cui l’impianto di illuminazione.

“Abbiamo consegnato i documenti richiesti ed alcuni di questi li integreremo nei prossimi giorni”, ha detto il dirigente amaranto Alessandro Bini “E’ tutto sotto controllo. Se ci sono cose da aggiornare od adeguare, ci manderanno l’elenco delle cose da fare e le faremo”.