Prossimo avversario, l'Ascoli Calcio 1898

28.01.2020 16:30 di Carlo Pannocchia   Vedi letture
© foto di Luigi Gasia/TuttoNocerina.com
Prossimo avversario, l'Ascoli Calcio 1898

Livorno - Sarà l’Ascoli il prossimo avversario del Livorno. In attesa della sfida in programma al Picchi sabato 1° febbraio alle ore 15, andiamo a conoscere da vicino i nostri prossimi avversari. L'Ascoli Picchio F.C. 1898 è la più blasonata società delle Marche, vantando il maggior numero di stagioni in massima serie e diversi trofei. Fondato nel 1898 l'Ascoli è un club di lunga tradizione e fra i più antichi d'Italia. Ha disputato 16 stagioni in serie A (miglior piazzamento il 4º posto nel 1979/80) e 18 in serie B. Dalla serie cadetta ha ottenuto cinque promozioni. Ha vinto una Mitropa Cup e una Supercoppa di Lega Serie C1. Il 22 giugno 1980, a Hamilton in Canada, vinse il torneo internazionale The Red Leaf Cup, cui parteciparono anche Botafogo, Nancy e Rangers. L'Ascoli ha ottenuto i suoi maggiori successi sotto la presidenza di Costantino Rozzi (dal 1968 al 1994). Attualmente l’Ascoli ha 27 punti in classifica, frutto di 8 vittorie, 3 pareggi e 9 sconfitte, per un totale di 28 reti realizzate e 29 subite. In trasferta i marchigiani hanno vinto una gara (Juve Stabia), pareggiato in due occasioni e perso otto partite per un totale di dodici reti messe a segno e ventidue incassate. L'Ascoli è l'unica formazione cadetta che in trasferta a subito il maggior numero di sconfitte: otto. Cannoniere dei bianconeri è l'attaccante Scamacca con sei reti, segue l'attaccante Da Cruz con cinque reti. All'andata si imposero i bianconeri al Del Duca per 2-0, con le reti firmate da Gerbo e Ninkovic. La rosa dei bianconeri si presenta come un un mix di forze giovani ed esperte. Si è puntato soprattutto sulla riconferma di alcuni elementi della passata stagione, come i difensori Brosco e l'ex amaranto Valentini a cui si sono aggiunti elementi di spessore come l'ex Sassuolo Gravillon e Pucino arrivato dalla Salernitana. A centrocampo, gli arrivi di Brlek, Padoin ex Cagliari, Gerbo e Petrucci, si sono aggiunti alle riconferme di Cavion e Troiano, mentre in attacco c'è tutta l'esperienza di Trotta, coadiuvato dai giovani Ninkovic, Da Cruz, Scamacca e Chajia. La guida tecnica del club è stata affidata a Guillermo Abascal, allenatore della Primavera. Sabato il tecnico dovrà fare a meno dello squalificato Troiano e degli infortunati Chajia, Gerbo, Laverone, Ninkovic, Pucino e Rosseti ma recupera l'attaccante Da Cruz che ha scontato un turno di squalifica. L'allenatore dovrebbe appplicare un 4-3-1-2 con Leali in porta, linea difensiva composta da Andreoni, Brosco, Gravillon e Padoin. A centrocampo trio formato da Piccinocchi, Petrucci e Cavion, con Brlek che giocherà dietro le due punte, del duo d'attacco formato da Scamacca e Morosini.