Perugia prossimo avversario del Livorno

25.03.2019 14:52 di Carlo Pannocchia   Vedi letture
© foto di Dario Fico/TuttoNocerina.com
Perugia prossimo avversario del Livorno
Livorno - L'avversario di turno è il Perugia. La storia della società umbra parte dal lontano giugno 1905 quando nasce ufficialmente l'Associazione Calcio Perugia. Con l'avvento nella massima serie, il Perugia abbandona lo stadio Santa Giuliana e si trasferisce nel nuovo stadio, il Comunale di Pian di Massiano, che ancora oggi ospita le partite dei Grifoni. Nel 1977 la società decide di intitolarlo alla memoria di Renato Curi, tragicamente scomparso all'età di 24 anni per un attacco cardiaco, nel corso di una gara di campionato contro la Juventus. Nella stagione 1978/79 sfiora uno storico scudetto. Un anno caratterizzato dalla presenza dell'astro nascente Paolo Rossi, futuro Pablito ai Mondiali di Spagna 1982 nonchè pallone d'oro. Il Perugia si fonda su un asse centrale abbastanza giovane formato dal portiere Gabriel, dai difensori centrali Gyomber e El Yamiq, dai centrocampisti Verre e Falzerano. Attorno a loro ruota una formazione formati da giovani promettenti come Carraro, Dragomir, Vido e Sadiq. Lo staff tecnico è guidato da Alessandro Nesta, uno dei migliori allenatori emergenti del panorama italiano. Accanto a lui ci sono il secondo Lorenzo Rubinacci e il preparatore dei portieri Vincenzo Benvenuto. In classifica gli umbri hanno 41 punti, frutto di dodici vittorie, cinque pareggi e dieci sconfitte. Trentotto i gol finora realizzati, trentantasei quelli subiti. Il Perugia ha ottenuto tra le mura amiche sette successi, perdendo cinque volte (un pareggio). Gli umbri sono andati a segno 19 volte, incassando 14 gol. Al Curi non si registra un pareggio dal 15 dicembre dell'anno scorso: Perugia e Spezia chiusero sull'1-1. In genere la squadra perugina si schiera con il 4-3-1-2, il modulo preferito dal tecnico biancorosso Nesta. L'allenatore, però, complici le assenze degli squalificati Falasco, Gyomber e degli infortunati El Yamiq, Melchiorri e Monaco, sta studiando l'assetto ideale da dare alla sua squadra. In porta dovrebbe essere confermato Gabriel. Davanti a lui la difesa a quattro formata da Mazzocchi, Sgarbi, Cremonesi e Rosi. A centrocampo la regia è affidata al giovane Carraro ex Foggia ma di proprietà dell'Atalanta. Ai suoi lati dovrebbero invece giocare l’ex Pescara Verre e Falzerano. Per quanto riguarda l’attacco, il romeno Dragomir fungerà da trequartista dietro ai due attaccanti Vido e Saqid.