La scheda. Bruno, grinta ed esperienza al servizio degli amaranto

 di Francesco Massei Twitter:   articolo letto 826 volte
© foto di Federico Gaetano
La scheda. Bruno, grinta ed esperienza al servizio degli amaranto

Livorno – Risponde al nome di Alessandro Bruno, il tanto atteso centrocampista che mancava al Livorno per completare il reparto. Il mediano beneventano lascia il Pescara, squadra con la quale lo scorso anno ha esordito in serie A in una sfida persa 3 a 0 con la Juventus a Torino. Classe ’83, è un centrocampista di sostanza, abile nel recuperare palloni e che all’occorrenza (ma con il Livorno difficilmente accadrà almeno con questo modulo) sa anche impostare il gioco; ha iniziato l’avventura nel calcio professionistico con la squadra della sua città, il Benevento con il quale ha giocato per ben 4 stagioni prima di passare alla Vastese in C2. Successivamente, colleziona tante esperienze in giro per l’Italia, specialmente nei campi caldi del Meridione, come Taranto e Nocerina. E’ proprio con i molossi che Bruno con tre giornate d’anticipo, conquista una storica promozione in serie B che permette al giocatore di mettersi in mostra nel campionato cadetto. Nel 2015, dopo aver vestito la maglia del Latina, viene acquistato dal Pescara: con la formazione abruzzese, vince i playoff del campionato di serie B 2015/2016 ottenendo così la promozione nella massima serie. In A, la musica cambia e Bruno vede calare il suo minutaggio con la maglia biancazzurra nonostante giochi comunque 17 partite. Il beneventano dunque, decide così di trasferirsi a Livorno dove porterà  esperienza e grinta in un reparto già ben allestito con i vari Luci, Valiani e Giandonato.