La presentazione. Livorno a Cittadella per rialzare la testa

05.04.2019 22:17 di Luca Aprea Twitter:    Vedi letture
La presentazione. Livorno a Cittadella per rialzare la testa

Livorno – Serve uno scatto. Di gioco, d'orgoglio ma soprattutto in classifica. Dopo le due pesanti sconfitte incassate contro Perugia e Cremonese il Livorno sale al “Tombolato” di Cittadella alla disperata ricerca di punti salvezza. L'avversario è decisamente scorbutico ma arrivati a questo punto gli amaranto non possono guardare in faccia a nessuno. I numeri sono impietosi: gli otto punti racimolati fino a questo momento rappresentano il peggiore bottino esterno di tutta la serie cadetta. Per salvarsi bisogna cominciare a vincere anche lontano dall'Ardenza.

Il Cittadella dopo aver infilato tre sconfitte di fila a febbraio ha inanellato una bel filotto di sei risultati utili consecutivi (tre vittorie e altrettanti pareggi) che ne hanno rilanciato le ambizioni playoff. Per vincere servirà una vera e propria impresa, al “Tombolato” sono crollate 'big' come Lecce e Pescara, il coefficiente di difficoltà della partita è altissimo.

Per quanto riguarda le formazioni Breda dovrà fare a meno dello squalificato Luci e dell'infortunato Bogdan. Due assenze pesanti. A centrocampo Agazzi è tornato tra i convocati e, considerando l'assenza del capitano, forse dovrà forzare il recupero. In ogni caso in mezzo sono pronti Rocca e Valiani. In difesa al posto del croato potrebbe essere confermato Gasbarro, rispolverato martedì sera contro la Cremonese. In attacco davanti a Diamanti al fianco di Raicevic dovrebbe giocare Murilo, ma occhio a Gori le cui quotazioni sono in costante ascesa. Venturato dovrebbe schierare un 4312 con l'ex Iori in cabina di regia e Schenetti alle spalle del tandem d'attacco formato da Finotto e Moncini che da quando è arrivato ha già messo a referto sette gol. Già, proprio quel Moncini che a gennaio ha voltato le spalle al Livorno per la tranquilla e serena provincia padovana.

Fischio di inizio sabato alle ore 15. All'andata un ottimo Livorno fu bloccato sullo 0-0 anche in virtù di un clamoroso rigore negato. Vediamo di riprenderci con gli interessi quei punti lasciati per strada.