Igor Protti: “Ci aspetta un mini campionato. Dovremo dare il massimo”

12.04.2019 16:42 di Chiara Lucchesi Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
Igor Protti: “Ci aspetta un mini campionato. Dovremo dare il massimo”

Livorno- Igor Protti torna a metterci la faccia. Per stare accanto ai suoi giocatori e per spiegare il momento difficile della squadra. “ Ritengo che come in altri momenti difficili sono venuto a parlare è giusto che lo faccia anche adesso. Mancano sei gare e i margini di errore sono veramente minimi ma dobbiamo fare il tutto per tutto affinché ne usciamo senza ossa rotte. Le trenta partite giocate ci devono servire da memoria ma vanno messe in archivio. Dobbiamo ripartire dal carattere visto con la Salernitana mentre dobbiamo cambiare tutto quello successo contro il Cittadella. Io vedo i ragazzi in campo, hanno meno allegria di prima ma questo deve trasformarsi in energia, la paura tante volte fa si che gli animali si salvino. Ecco dobbiamo avere la giusta preoccupazione ma al tempo stesso la certezza di potercela giocare”.

L’avversario però non è certo dei più semplici; il Brescia sta facendo la parte del leone in questo campionato: “È vero, non è il miglior cliente adesso ma sono davvero convinto che faremo una grande partita. Gli attaccanti non segnano? Beh, io parlo spesso con loro, cerco di dargli delle dritte, poi quando vanno in campo devono essere bravi loro a trovare le soluzioni. In ogni caso è vero che la squadra deve aiutarmi ma anche loro devono aiutarsi. Mi fido dei miei ragazzi, con pregi e difetti e so che ci metteranno tutto quello che hanno.”

Breda è sulla graticola:” Sapete cosa penso dei cambi di allenatore. Dobbiamo fare in modo che non succeda. Breda ha fatto un lavoro eccellente e non gli si possono affossare tutte le colpe delle ultime tre sconfitte.”

A chi gli chiede cosa vede nel suo futuro risponde così:” Se penso alla prima futuro adesso vedo solo lunedì sera e l’11 maggio che potrebbe essere la fine del campionato o l’inizio di una nuova fase. Non mi interessa del mio futuro è anche a voi dico fregatevene e pensiamo tutti a queste sei gare che sono come sei finali”.