Con Laudicino il marketing del Livorno vuol spiccare il volo

 di Marco Ceccarini  articolo letto 11 volte
Con Laudicino il marketing del Livorno vuol spiccare il volo

Livorno - Aria nuova, freschezza, professionalità, stile. Tutto questo e molto altro ancora sta portando nel Livorno Calcio il nuovo responsabile area marketing, Maurizio Laudicino, un passato con diverse  esperienze in aziende top, oggi in amaranto per riavvicinare e riunire la piazza proprio come nello slogan: una squadra, una città. A presentarlo, in conferenza stampa, è stato il direttore Nicola Pecini: “Mi sono battuto perché Laudicino fosse nella nostra squadra, ha una grande forza ed è un professionista del settore di altissimo livello“.

Attraverso un dettagliato articolo di Paolo Nacarlo, capo ufficio stampa della società amaranto, apparso sul sito Livornocalcio.it, Maurizio Laudicino ha spiegato i nuovi progetti dell’area marketing: “Promuovere la territorialità per il Livorno Calcio vuol dire perseguire il proprio core business, cioè rendere i propri tifosi soddisfatti offrendo un ‘prodotto di qualità’, e non solo in termini di risultati sportivi. L’A.S. Livorno Calcio non può e non deve essere ‘solo’ una squadra iscritta al campionato di Lega Pro ma deve essere l’emblema di una grande città, una città storica che ha voglia di farsi rappresentare e promuovere a 360 gradi. ‘Una squadra. Una città.’  E’ stato questo il primo slogan che ho coniato qualche giorno dopo esser arrivato a Livorno, dopo aver girato per il centro città, aver visto i luoghi rappresentativi ed aver respirato l’aria sul Lungomare.  Nell’immagine utilizzata per il lancio della campagna abbonamenti il numero 12 sulle spalle dell’atleta la dice lunga su chi debba essere il fattore determinante per le sorti della squadra: il suo pubblico. La Terrazza Mascagni non poteva che essere il teatro ideale per ospitare il servizio fotografico di lancio della campagna abbonamenti così come la prima sera di ‘Effetto Venezia’ era evidente fosse il momento più adatto per presentare la squadra alla città e mi pare che la risposta degli appassionati sia stata semplicemente esaltante”.

Di seguito, alcune inziative, tutte importanti, finalizzate a raggiungere gli scopi che il Livorno, quest'anno, si prefigge sul piano del marketing e della comunicazione.

La maglia che ricorda il Moro. Morosini. “La squadra amaranto avrà come compito prioritario quello di tornare a far pulsare il cuore della città dall’alto un testimonial molto speciale sorveglierà che questo avvenga, Piermario Morosini. In suo ricordo abbiamo deciso di imprimere sul colletto della maglia una sua celebre frase ‘Andiamo a prenderci questa vittoria!’. La casacca amaranto dunque avrà un peso specifico diverso e la responsabilità di chi la indossa la Domenica sarà di certo maggiore

Tecnologia. “La tecnologia ci sarà di grande aiuto e fortunatamente oggi il panorama internazionale ci offre una ampia gamma di esempi da seguire. Volutamente ho usato la parola internazionale, questo perché abbiamo stretto un accordo con l’azienda “SooEsasy” di cui è socio e account dedicato Demetrio Albertini, vicecampione del mondo ad U.S.A. 1994 e bandiera del Milan dei record degli anni 90’. Questa partneship ha fondamentale importanza perché il Livorno sarà la prima squadra in Italia ha dotarsi del sistema denominato ‘Penguin Pass’, un sistema innovativo che consentirà alle aziende che vorranno collaborare col club di garantirsi tutta una serie di servizi che probabilmente ci aspetteremmo di trovare al Bernabeu di Madrid o allo stadio di Wembley! Attraverso il semplice invio di una mail dalla piattaforma dedicata, i destinatari saranno inseriti una priority list che consentirà alla crew del Livorno calcio impegnata allo stadio di identificarli già all’esterno dello stadio e quindi di riservare loro una accoglienza di livello con accompagnamento al posto riservato in tribuna e la possibilità di usufruire dell’Area Hospitality che sarà impostata in versione deluxe. La smartizzazione dello stadio non si fermerà qui, ma abbiamo un preaccordo con l’azienda Lundax LV7 per l’attivazione di un wi-fi gratuito che copra tutti il perimetro dello stadio e che, in cambio dei rilascio dei dati anagrafici, consentirà l’accesso ad una serie di servizi proposti da aziende partner. Un taxi a fine gara? Uno spaghetto last minute? Saranno queste solo due delle svariate opportunità cui accedere utilizzando la copertura wi-fi”.

Aprirà il nuovo punto vendita gadget. Network. “Vogliamo creare un network che abbia da una parte tutto l’universo di cittadini livornesi e dall’altro la galassia delle aziende con al centro il Livorno calcio. Lanceremo una card che si potrà richiedere dal sito ufficiale www.livornocalcio.it ed avrà una versione basic gratuita ed una versione premium a pagamento. Questo strumento servirà per avere facilitazioni, prelazioni, sconti e gratuità da spendere tra le molte offerte che il marketing del Club andrà a commercializzare (tra cui una linea di merchandising 3.0 che troverà il suo palcoscenico adeguato nel primo official store fisico, ‘Dodici in campo’, in apertura a metà Agosto in via Ricasoli grazie alla collaborazione con l’imprenditore Marco Gelardi) ma soprattutto garantirà l’accesso a tutta una serie di vantaggi che le aziende partner metteranno a disposizione. A tal riguardo abbiamo avviato tavoli di lavoro con le associazioni di categoria cittadine al fine di poter dare il via all’operazione con la più ampia adesione possibile. Periodicamente ogni utente sarà raggiunto da una newsletter che aggiornerà la lista delle aziende aderenti ed illustrerà i sempre nuovi vantaggi offerti. Una grande vetrina che collegherà domanda ed offerta in tempo reale con la regia del marketing del Livorno calcio. I possessori della card avranno grandi vantaggi e le aziende, sia locali che non, avranno un notevole supporto per promuovere il proprio marchio, un lavoro a braccetto per creare valore. La più grande catena di acquisto della Toscana! Attraverso le reclame diffuse dal Livorno calcio le aziende riusciranno a parlare ai potenziali clienti in un modo più umano, creando delle conversazioni in momenti speciali, rilevanti ed estremamente personali, perché il Club per i propri tifosi è una cosa importante che accende passioni viscerali. Le aziende saranno così in grado di trasmettere un messaggio pubblicitario in un contesto di alto coinvolgimento emotivo dove il consumatore è sintonizzato e appassionato. E potrà essere raggiunto un numero elevatissimo di persone grazie alla popolarità che questo gioco ha in tutto il mondo attraverso diversi canali media (stiamo pensando di aggiungere ai canali esistenti anche ‘Livorno Channel’)”.

Pecini: Laudicino un nostro punto di forza. Nuovo Sponsor. “Da poche ore, annuncia Laudcino, abbiamo raggiunto un accordo di sponsorizzazione con la ditta Archipelagus ed il logo ed il nome dell’azienda apparirà sui nostri pantaloncini per la stagione 2017-18″.

Match day. “I club devono sfruttare il potere di attrazione che esercita la gara, ‘The match day experience’. Il miglioramento dell’esperienza-stadio rappresenta una base di partenza importante attorno alla quale far ruotare le nostre azioni di marketing. In quest’ottica è fondamentale iniziare concretamente a lavorare assieme alla amministrazione comunale per il miglioramento delle strutture sportive, la viabilità e servizi come i parcheggi e le attività commerciali per soddisfare il bisogno di calcio di chi vuole andare a vedere la partita rendendo l’esperienza la più seamless possibile. Già un dialogo è stato abbozzato con l’assessore allo Sport Morini e quello alla cultura Belais che ringrazio per la collaborazione prestata unitamente al sig. Demi nell’organizzazione dell’evento ad Effetto Venezia, ma quanto prima sarà messo in piedi un tavolo col sindaco Nogarin per analizzare la situazione in atto e per esplorare soluzioni rapide per migliorarla. Dobbiamo rendere più sicura e confortevole la frequentazione dello stadio, più fruibili i servizi soprattutto per i più piccoli, più moderna l’offerta”.

Hospitality e Mascotte. “Nei nostri progetti, dice il nuovo responsabile marketing, c’è quello di attivare un’area Hospitality di livello con steward ed hostess professionalizzate (presto partiranno selezioni in città per selezionare il team), di offrire servizi e confort adeguati alle esigenze (tipo la digitalizzazione dello stadio) e poi di spettacolarizzare al massimo uno show che non può e non deve durare soltanto i 90’ regolamentari. Una ribalta per altri sport, per artisti e per le eccellenze cittadine in senso più esteso. Una mascotte farà la sua comparsa sul terreno di gioco ma anche al di fuori di questo, infatti nostra intenzione è quella di impiegarla anche nel corso della settimana nelle scuole materne, nelle elementari, nei centri sportivi e ricreativi, nei centri commerciali e anche in compleanni privati.  Sarà importante lavorare con le famiglie, target ideale delle società di calcio, non solo offrendo sconti o gratuità ma coinvolgendole attraverso i bambini e le scuole e spingendole a partecipare attivamente alla vita del Club. Abbiamo avuto totale disponibilità dal provveditore agli studi per presentare progetti che favoriscano l’ingresso del calcio nelle aule. La squadra sarà sempre più vicina al tessuto sociale cittadino:  con visite agli ospedali, alle case di cura ed a tutte le associazioni che fanno del bene a livello locale e nazionale. Un’idea, per integrare ancora di più il Livorno alla sua

Social. “L’utilizzo dei social media ed il lancio di una app dedicata deve inserirsi nella complessa strategia di marketing del Club per aiutarlo a raggiungere i propri obiettivi.  Determinante in questo senso anche la partecipazione delle aziende partner per le quali andremo ad ideare modi coinvolgenti per entrare in contatto diretto con i tifosi  e sostenere una conversazione basata sui contenuti. I social media sono fondamentali per il Livorno calcio (è stata avviata da qualche giorno collaborazione con Jeremy Caire e Paolo Peverini per la gestione dei social network più popolari e con Luca Dal Canto (film-maker e fotografo che ha collaborato con registi cinematografici tra cui Daniele Luchetti, Sergio Rubini, Matteo Oleotto, Enrico Oldoini e Paolo Costella, vincitore di premi a festival internazionali) per la realizzazione di cortometraggi da viralizzare sul web) e valorizzare questi canali serve per instaurare un dialogo con i propri tifosi, anche attraverso i propri partner commerciali, impostando delle interazioni costruttive e non distruttive a priori. Il sito internet ufficiale (www.livornocalcio.it) opportunamente migliorato, sarà l’organo di riverbero di tutto il web, ospiterà la club house dei tifosi e delle aziende dove proporre e raccogliere opportunità, dove fare shopping di merchandising, dove approviggionarsi dei biglietti per i match e dove creare rapporti anche tra i vari stakeholders”.

Editoria. “Per coloro che hanno meno confidenza con la tecnologia, torneranno strumenti come il mensile ufficiale Amarantocon tutti gli approfondimenti sulla vita della squadra e della società ed il  Match Program cartaceo, una pubblicazione ricca di informazioni, dati, statistiche e curiosità di cui potranno fruire gratuitamente gli spettatori durante le partite interne del Livorno. Altri prodotti torneranno a circolare nelle edicole cittadine come l’album delle figurine”.

Sponsor. “Pensiamo di organizzare nel corso dell’anno veri e propri workshop cui saranno invitati tutti coloro che abbiano investito piccole o grandi cifre e in queste occasioni oltre ad offrire formazione gratuita, si creeranno momenti di reciproca conoscenza e di dialogo. Non trascureremo nemmeno gli aspetti più ludici e di entertainment e in questo senso andrà la Christmas dinner di fine anno e la Sponsor cup, un torneo di calcio che avrà luogo a fine stagione all’interno dello stadio Armando Picchi di Ardenza.

La squadra ed i dirigenti faranno la loro parte e non sarà un caso vederli intervenire a cene dei Club, ad inaugurazioni, a feste comandate uscendo dall’area Coni che in molti hanno definito ‘il sarcofago’ interdetto al pubblico. Compatibilmente con le esigenze del mister Sottil tutti avranno la chance di incontrare gli atleti in città, scambiare una parola, chiedere un autografo o scattare un selfie. Il Livorno calcio è un prodotto della città e ad essa va restituita!”
Alla conferenza ha partecipato anche il Comune di Livorno presente con l’assessore allo sport Morini. Presenti anche Confesercenti, Confcommercio, Ctt Trasporti, e tantissimi partners amaranto. A coadiuvare il lavoro dei responsabili c’erano le hostess Sara Giacobone e Asya Barbieri.