Chi è Parisi, il primo nuovo amaranto

09.06.2018 20:18 di Carlo Pannocchia  articolo letto 1192 volte
© foto di Emanuele Taccardi/TuttoMatera.com
Chi è Parisi, il primo nuovo amaranto

Livorno - Chi è Tino Parisi, il primo ingaggiato dal Livorno quest'anno? Cerchiamo di ripercorrere la sua carriera per conoscerlo meglip. Il contratto sarà ufficialmente in Lega Calcio non appena, il 1° luglio, si apriranno le liste di trasferimento.

Parisi è arrivato a Catania all'età di 14 anni, inserito nella squadra Allievi. La società etenea, tuttavia, decise di mandarlo a farsi le ossa all'Akragas in Eccellenza. All'inizio giocava a centrocampo o da esterno alto. L'allenatore dell'Agrigento, Pino Rigoli, lo "retrocede" in difesa nel ruolo di terzino. L'anno dopo viene riconfermato in Serie D nelle file dell'Akragas. Quindi arriva la chiamata del Catania. Il 12 ottobre 2014 al minuto 85 Giuseppe Sannino lo fa esordire in Serie B nella gara interna contro il Bari, finita 3 a 2 per i pugliesi.

Nonostante la retrocessione dei siciliani in Serie C, viene confermato. Inaspettata nel campionato successivo arriva la soddisfazione, a 20 anni, di indossare la fascia di capitano. Nel frattempo il tecnico dei rossoblu Giueppe Pancaro punta su Desiderio Garufo che pian piano prende il posto di Parisi. Può giocare da terzino ma anche da esterno offensivo a destra o a sinistra.

Proprio a Siracusa riesce ad imporsi, giocando una stagione positiva: 31 presenze in campionato, 4 gol, un assist e 2416 minuti giocati. E' sicuramente un innesto che potrà dare un maggiore dinamismo sulle fascie. E' un terzino dotato di piedi buoni, capace di sfornare cross nell'area avversaria, possiede gran senso di lettura nelle situazioni di gioco. Ovviamente si deve ancora formare, ma negli ultimi due anni ha fatto diversi passi in avanti.