Amaranto, la Quarta categoria in udienza da papa Francesco

12.04.2018 18:16 di Marco Ceccarini  articolo letto 191 volte
Amaranto, la Quarta categoria in udienza da papa Francesco

Livorno - La squadra di Quarta categoria del Livorno ha giocato ieri in piazza San Pietro, in Vaticano, nell’ambito del progetto "I semi dell’etica" ed è poi stata in udienza da papa, Francesco I. Ad accompagnare gli amaranto a Roma e in Vaticano c’era la presidente della onlus Arlecchino, Natascia Lombardi, che dunque ha “rappresentato” il Livorno. Nel pomeriggio, poi, la delegazione amaranto ha preso parte al convegno “L’etica nello sport” dove vi è stata anche una premiazione ad opera della campionessa paraolimpica di scherma Bebe Vio.

“La Lega Pro era in Piazza San Pietro all’udienza di papa Francesco, dove ha partecipato con i vertici, i presidenti ed i dirigenti dei club”, si legge in un comunicato stampa diffuso dal Livorno calcio 1915. “Calcio aperto alla disabilità con il progetto “#Io Voglio Giocare al calcio... in Lega Pro”. Si sono confrontati, sportivamente, i ragazzini che giocano nei settori giovanili dei club di Lega Pro e di una squadra Trastevere con la maglia con la scritta Comunità di Sant’Egidio.

“Hanno giocato  in piazza San Pietro su tre campi di calcio con maglie dove al posto del nome erano impressi  i valori, dell’onestà, della passione, del fair play, della gioia”, continua il comunicato. “Hanno disputato “partitelle” dalle 8,30 alle 12 nei campi disegnati nel rispetto del luogo. Erano felici di rincorrere il pallone nello scenario di San Pietro, un luogo negato loro dall’invasione del traffico”. E ancora: “Hanno giocato per dire che il calcio è il loro gioco, solidale, inclusivo, sociale e radicato nel territorio, riassumibile in un solo termine, insieme”.
Questo è il calcio della Lega Pro, la lega della storia dei Comuni d’Italia. A papa Francesco la Lega Pro ha portato una donazione per un progetto di solidarietà da definire con la Santa Sede oltre ad una maglia recante tutti  i valori del fai play del calcio di Lega Pro e una maglia recante sul retro la scritta “Papa Francsco I” e il pallone della Lega Pro.

“Oggi e’ una giornata che resta in ognuno di noi”, ha dichiarato Gabriele Gravina, presidente Lega Pro, “emozionante se indimenticabile che ha confermato i valori su cui si sviluppa il calcio in Lega Pro”. Lo si legge in una nota stampa della Lega calcio Professionisti di Serie C.

“Si costruisce insieme, si va in un’unica direzione tutti insieme con iniziative come quella di oggi che racchiudono il senso della solidarietà e della socialità”, afferma ancora il comunicato della Lega Pro. “In piazza San Pietro, infatti, si è concretizzato un altro passaggio di un cammino comune con i club.  L’opportunità di partecipare all’udienza di papa Francesco ha rappresentato un momento di grande importanza e riflessione: l’attività sportiva deve sempre favorire i valori dell’amicizia, del rispetto e della solidarietà”.