Testa, cuore e...

 di Luca Aprea Twitter:   articolo letto 400 volte
Testa, cuore e...

Livorno - ...attributi. Il Livorno ieri a Roma, al cospetto del fanalino di coda Racing, ha dimostrato di averne. Sul campetto di Casal del Marmo infatti era andato in scena lo scenario peggiore tra quelli ipotizzati alla vigilia con i capitolini abili a resistere agli assalti amaranto e a sfruttare l'unica (ma ahinoi puntuale) disattenzione della retroguardia livornese. A quel punto il Livorno ha fatto capire a tutti di avere il piglio della grande squadra. Foscarini con gli innesti di Toninelli e Cellini (autore del gol decisivo) ha ridisegnato la squadra che in cinque minuti, esattamente come accaduto la scorsa settimana a Cremona, ha ribaltato la situazione. E, cosa altrettanto importante, una volta acquisito il risultato ha rischiato davvero poco.

Con questo successo il Livorno conserva il terzo posto solitario mantenendo intatte le distanze da lepri e inseguitori, tutte vincenti. Gli amaranto regalano così ai propri tifosi un Natale sereno con una squadra in netta risalita che mostra ampi margini di miglioramento per il futuro. Ma ci sarà poco tempo per festeggiare. Questo sciagurato 2016 si chiuderà infatti con il big match contro la capolista l'Alessandria al “Picchi”. Lì capiremo se questa squadra ha i numeri e le possibilità per sognare una rimonta che, solo qualche settimana fa, sembrava ai confini della realtà.