Fare presto

08.01.2019 21:00 di Luca Aprea Twitter:   articolo letto 915 volte
© foto di Giuseppe Celeste/Image Sport
Fare presto

Livorno – Stando alle ultime dichiarazioni di Aldo Spinelli, il dado è tratto. La cordata rappresentata da Peiani farà la sua offerta e Sciu Aldo dopo quasi vent'anni lascerà il timone della società. Questo salvo colpi di scena che, conoscendo la storia recente del club amaranto, sono sempre dietro l'angolo. Del resto il patron è stato chiaro: il 15 gennaio è l'ultima data utile per chiudere l'affare, poi verrà il momento della ricapitalizzazione e lì si dovrà scoprire le carte: “chi c'è, c'è”, per usare le parole di Spinelli. Tergiversare oltre davvero non si può. Gennaio è un mese cruciale per le sorti del Livorno. Breda è riuscito nell'impresa di medio termine che si era prefissato, ovvero togliere la squadra dalle secche della classifica e riportarla nel gruppo in attesa di rinforzi. Le dirette concorrenti sono molto attive (Calaiò andrà al Foggia, Mbakogu è a un passo dal Padova) e rimanere indietro potrebbe essere fatale. Mai come quest'anno il mercato invernale, storicamente avaro di soddisfazioni, sarà decisivo per il futuro degli amaranto. Facci naturalmente è già operativo e lavora in perfetta sintonia con il tecnico che voleva portare al “Picchi” già in estate ma è evidente che la questione relativa alla proprietà non è un aspetto secondario. Ecco perché la svolta societaria, se ci sarà, deve avvenire subito. Il tempo delle deroghe è finito. Fate presto. In un senso o nell'altro.