E' notte fonda

07.10.2018 18:39 di Davide Lanzillo Twitter:   articolo letto 1924 volte
© foto di Insidefoto/Image Sport
E' notte fonda

Livorno – È notte fonda al Picchi. Sì, perché malgrado il match con lo Spezia si sia giocato per buona parte sotto un sole quasi estivo, il Livorno colleziona la seconda brutta figura interna consecutiva, dopo quella patita con il Lecce. E anche stavolta, come allora, non c’è praticamente niente da salvare. Una squadra lenta, in bambola, sempre in balìa dell’avversario. Un disastro. La scusante della preparazione, del calendario impegnativo e degli infortuni adesso non regge più: dopo sei partite un primo bilancio non può non essere fatto. E risulta, purtroppo, estremamente negativo. Perché malgrado qualche buona prestazione, il Livorno ha sempre dato l’impressione di essere una squadra troppo “leggera”, poco cattiva sotto porta, finendo sempre con il concedere qualcosa agli avversari. La partita di Venezia aveva illuso potesse essere la svolta, invece, con lo Spezia, un clamoroso passo indietro. La sensazione è che ci sarà da soffrire, e non poco. Ma la stagione è ancora lunga: non è ancora tempo di recitare il De Profundis.