Dicembre verità

28.11.2018 11:51 di Luca Aprea Twitter:   articolo letto 413 volte
Dicembre verità

Livorno – La fine è il nostro inizio. Ci perdonerà il grande Tiziano Terzani se l’accostamento potrà sembrare blasfemo ma davvero la stagione del Livorno comincia al tramonto di questo 2018. L’esonero, soffertissimo, di Cristiano Lucarelli, nel bene o nel male, ha segnato un solco profondo nella stagione amaranto. Il mese di dicembre dirà molto sul futuro di questa squadra. Con la sosta invernale a gennaio l’ultimo mese dell’anno rappresenta un crocevia fondamentale. Brescia, Foggia, Palermo, Verona, Carpi e Padova: sei partite in un mese, un vero e proprio tour de force (con tre scontri diretti) che chiuderà il girone di andata degli amaranto. L’obiettivo dichiarato è sempre quello: rimanere attaccati al gruppone e, se possibile, staccarsi quantomeno dall’ultimo posto solitario.

A gennaio ci sarà da sfoltire una rosa troppo vasta e da rinforzare i vari reparti con innesti mirati. Operazioni imprescindibili per mantenere una categoria che va salvata con le unghie e con i denti. Ma per non rendere tutto questo inutile a gennaio è necessario arrivarci “vivi”. Facci (tornato pienamente in sella) e Breda si conoscono da anni e formano un tandem che di sicuro lavorerà in piena sintonia. Dal loro operato dipenderà molto del futuro amaranto. Ma la differenza, quella vera, come al solito la faranno i giocatori in campo. Adesso che infortuni e squalifiche sono alle spalle occorre dare uno scossone alla classifica. Serve un cambio di passo, subito. La riscossa parte da Brescia.