Ci siamo anche noi

26.12.2018 18:08 di Davide Lanzillo Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico Gaetano
Ci siamo anche noi

Carpi - È un Livorno da applausi. Quello andato in scena al Cabassi di Carpi è stato uno show amaranto, con la squadra di Breda che ha dominato in lungo e largo la gara. Roba da stropicciarsi gli occhi. La depressione che aveva intriso l’intero ambiente fino a poche settimane fa sembra già un lontano ricordo, con il Livorno finalmente in grado di alzare la voce e gridare al campionato “ci siamo anche noi”. Sì, perché adesso ci siamo anche noi: chi pensava di aver trovato nel Livorno la vittima sacrificale di questo torneo, beh, è stato costretto ricredersi. E un grande applauso non può che andare a Roberto Breda, in grado di rivitalizzare una squadra che sembrava ormai alla deriva. Ed invece il tecnico trevigiano, in silenzio e con il duro lavoro, ha saputo dare la sua impronta alla squadra: giocatori timidi ed impacciati durante la precedente gestione, adesso appaiono rinati. Per lui parlano i numeri: nove punti in sette gare, otto nelle ultime quattro, con le straripanti vittorie con Foggia e Carpi e i prestigiosi pareggi contro Palermo e Verona, due big di questo campionato. E probabilmente, in queste gare, gli amaranto avrebbero meritato anche qualcosa di più.

È un Livorno che ha risvegliato i cuori della gente: in quei cuori intristiti e malinconici dei primi mesi di campionato, è tornato a soffiare forte il vento della speranza.