Serie B, il punto dopo la diciassettesima. Brescia chiama, Palermo risponde

28.12.2018 22:26 di Carlo Grandi  articolo letto 189 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Serie B, il punto dopo la diciassettesima. Brescia chiama, Palermo risponde

Livorno - Turno di santo Stefano che ha visto le prime della classe riprendere la loro marcia, senza troppe sorprese, allungando sulle inseguitrici e inguaiando le squadre in coda, che piano piano si stanno staccando e allungando la classifica.

È stato un turno ricco di gol (ben 25) con 5 vittorie interne, 3 esterne e un solo pareggio (quello tra Cosenza e Salernitana finito a reti bianche).

Il Palermo risponde al Brescia in testa alla classifica segnando 3 gol: un Ascoli rinunciatario viene travolto al Barbera dai gol di Chochev e Szyminski, che chiudono una partita sbloccata dall'imbarazzante autogol del portiere ascolano Perucchini.
Brescia che fa suo a fatica il derby con la Cremonese: dopo essere passato in doppio vantaggio (gol di Spalek e Bisoli) subisce la rimonta grigiorossa con Piccolo (doppietta) per poi vincere con gol di Ndoj in extremis per il 3-2 finale.
Dietro risorgono Pescara,Verona e Benevento: le prime due battono Venezia (a fatica per 1 a 0 con gol di Brugman) e Cittadella (travolgenti i gialloblu trascinati da uno scatenato Pazzini - tripletta - e da Tupta per il 4 a 0 finale), le streghe tornano prepotentemente in zona promozione vincendo nel finale a Padova con un gol di Improta.
Biancoscudati ultimi e sconfitta che costa cara a Foscarini, esonerato a favore del ritorno di Bisoli, atteso già dalla delicata sfida di Livorno.
Continua nel suo momento positivo il Perugia: un Foggia in ampio turnover di fatto si consegna ai grifoni che lo liquidano con un secco 3 a 0 (di Konan - doppietta - e Verre i gol perugini).
Satanelli in crisi come il Crotone: pitagorici ormai in crisi nera, con Oddo che sembra in totale confusione e Spezia che passeggia allo Scida con un perentorio 3 a 0, frutto del dei gol di De Francesco e della doppietta di Pierini.
Ultime tre della classifica sconfitte e scavalcate dal Livorno, che abbandona l'ultimo posto in classifica dopo quasi 3 mesi vincendo di autorità sul campo del Carpi. È un 4 a 1 di grande spessore quello degli amaranto, frutto dei gol di Pedrelli, Murilo e della doppietta di Giannetti, che suggellano una prestazione resa ancora più importante dalle assenze illustri di Diamanti, Valiani e Luci,e da un attacco che finalmente ha concretizzato la grande mole di gioco prodotta. Gol del Carpi di Di Noia che è servito a poco,e emiliani che si fermano dopo 2 vittorie consecutive.

RISULTATI E CLASSIFICA

BRESCIA - CREMONESE 3-2
CARPI - LIVORNO 1-4
COSENZA - SALERNITANA 0-0
CROTONE - SPEZIA 0-3
PADOVA - BENEVENTO 0-1
PALERMO - ASCOLI 3-0
PERUGIA - FOGGIA 3-0
PESCARA - VENEZIA 1-0
VERONA - CITTADELLA 4-0

riposa: LECCE

CLASSIFICA

PALERMO 34; BRESCIA 31; VERONA,LECCE,PESCARA 29; BENEVENTO 28; CITTADELLA, PERUGIA 26; SPEZIA 25; SALERNITANA 24; ASCOLI 21;  VENEZIA 20; CREMONESE, COSENZA 19; CARPI 16; LIVORNO 14; CROTONE 13; FOGGIA 12; PADOVA 11.

COSENZA una partita in più
FOGGIA 8 punti di penalizzazione.