Promozione. Più ombre che luci ma brilla il Cecina

 di Matteo Gargini Twitter:   articolo letto 30 volte
Promozione. Più ombre che luci ma brilla il Cecina

Livorno – Weekend di poche luci e più ombre per le quattro squadre della provincia di Livorno. Unica nota lieta, lo Sporting Cecina che espugna il difficile campo di Lorenzana dell'Ateltico Etruria, 0 a 2, riaprendo prepotentemente il campionato anche a causa dell'inaspettato scivolone esterno della capolista sul campo della matricola Asta. Le distanze dalla vetta si assottigliando visibilmente. Il Cecina, terza forza del torneo, dista solo cinque punti dalla vetta. I rossoblu sembrano essere in salute e rientrano in corsa per la conquista del primato. Determinanti saranno le prossime giornate che non devono rendere vani i successi tanto difficili quanto importanti ottenuti in campi trappola come quello appena espugnato.

Di esito opposto il match che vede cadere la capolista Pro Livorno, 1 a 0, imbottigliata dal difficile impegno sul campo dell'Asta Taverne, tanto che il miglior attacco del torneo resta all'asciutto nonostante una media di due reti a partita. Non è tempo di creare allarmismi, ma sarà necessario già da subito ripartire perché dietro non mollano. La Pecciolese, seconda in classifica, che ha liquidato il Monterotondo, è a soli tre punti.

Cade anche il Picchi, addirittura in casa, affondato dai colpi del Frates Perignano in un match combattuto tra due squadre di media-alta classifica. La sconfitta interna, 0 a 1, rappresenta un brusco rallentamento per i biancoamaranto che stavano vivendo uno splendido momento di forma.

Infine, pareggio utile soprattutto per il morale quello a reti bianche ottenuto dal Donoratico sul difficile campo dell'Albinia. Il match vedeva opposte due squadre in lotta per la salvezza. Un successo avrebbe potuto significare un importantissimo passo in avanti però ogni tanto è pure giusto accettare il pareggio che muove comunque la classifica e serve da stimolo per migliorare ulteriormente.