Lega Pro, gara per gara la trentacinquesima giornata

 di Francesco Massei Twitter:   articolo letto 81 volte
© foto di Luca Marchesini/TuttoLegaPro.com
Lega Pro, gara per gara la trentacinquesima giornata

Livorno – Inedito turno infrasettimanale per il girone A di Lega Pro: le dieci sfide in programma, giocheranno tutte fra le 14.30 e le 20.30 di giovedì 13 aprile. Inutile ripetere che questi orari (specialmente le gare che verranno disputate nel pomeriggio) non fanno altro che allontanare le persone dagli stadi. Ciò nonostante, andiamo a vedere caso per caso, le dieci partite di questo trentacinquesimo turno.

Olbia (32) – Carrarese (34). In Sardegna va in scena un autentico spareggio per la lotta salvezza: si affrontano infatti due squadre divise da appena due punti, che lottano come detto per il medesimo obiettivo. Nonostante la sconfitta recente con l’Alessandria, i marmiferi possono dirsi in un dignitoso momento di forma visto i due pareggi e la vittoria con il Siena nelle ultime quattro gare: i bianchi invece, sono in caduta libera con al passivo ben quattro sconfitte consecutive, e in caso di sconfitta potrebbero essere sorpassati dalla Lupa Roma.

Racing Roma (28) – Piacenza (55). Trasferta capitolina per il Piacenza, fresco vincitore del derby cittadino giocato pochi giorni fa contro la Pro. Gli emiliani, con il poker rifilato ai cugini, sono tornati alla vittoria dopo due sconfitte consecutive, e puntano adesso a ritrovare il successo esterno, che manca dal 26 marzo, giorno in cui gli emiliani espugnarono Como. E’ reduce da una vittoria anche la Racing Roma, che continua a navigare all’ultimo posto, senza però mai mollare la presa: è sicuro che gli eventuali tre punti nella sfida di gioved’, riaprirebbero definitivamente la corsa ai playout anche per gli uomini di Giannichedda.

Renate (50) – Pistoiese (39). Per la Pistoiese, l’ultimo treno utile per continuare a sperare nei playoff passa da Meda. Gli arancioni infatti, distano ben sei lunghezze dalla decima posizione, ultima posizione che garantisce la partecipazione alla “post season”. La sfida con il Renate però, è un’occasione ghiotta in tal senso: i brianzoli infatti, non hanno praticamente più nulla da chiedere al campionato visto la partecipazione ormai praticamente certa ai playoff.

Viterbese (51) – Alessandria (70). I punti adesso pesano davvero e per questo, l’Alessandria non può più sbagliare. Dopo il mezzo passo falso interno nella gara giocata contro il Prato, i piemontesi hanno visto avvicinarsi ad una sola lunghezza la Cremonese; la formazione di Braglia, è dunque chiamata solo ed esclusivamente alla vittoria. Di fronte però, c’è un avversario ostico, come la Viterbese, squadra in salute (nelle ultime quattro, tre vittorie ed un pareggio), che è pronto a fare uno scherzetto alla capolista.

Lupa Roma (31) – Arezzo (61). Alla ricerca della vittoria, dopo due pareggi consecutivi, l’Arezzo si appresta a concludere il ciclo di trasferte nella capitale: avversario di giornata è la Lupa Roma, squadra che è in disperata ricerca di punti per salvarsi. La formazione romana per questo non può essere sottovalutata: dopo il pari rocambolesco conquistato a Livorno, i capitolini infatti hanno fatto sudare sette camicie anche alla Cremonese, che sono nel finale è riuscita a scardinare la difesa della Lupa.

Pontedera (39) – Giana Erminio (60). Dopo i pareggi con Livorno e Arezzo, il Pontedera è pronto a fermare anche l’altra squadra che si contende il terzo posto del torneo, ovvero la Giana Erminio, reduce anch’essa da un pari proprio sul campo dell’Arezzo. I granata, a sei punti di distanza dalla zona playout, potrebbe mettere al sicuro la permanenza in terza serie con una vittoria; la Giana però è un avversario non abituato alla sconfitta, visto che non perde dal 12 febbraio nella sfida contro il Tuttocuoio.

Livorno (61) – Tuttocuoio (33). Inedito derby toscano allo stadio Picchi di Livorno, dove gli amaranto ricevono la visita del Tuttocuoio, squadra di Ponte a Egola, in provincia di Pisa. Dopo l’amaro pari di Pontedera, la formazione di Claudio Foscarini è chiamata alla vittoria per approfittare magari di un passo falso dell’Arezzo, impegnato come detto nel difficile terreno di Tivoli. Di fronte, c’è un Tuttocuoio in crisi, che non vince dal 25 marzo, e che soprattutto ha collezionato 2 sconfitte ed un pareggio nelle ultime tre sfide.

Lucchese (45) – Siena (39). Il secondo derby di Toscana in programma, va in scena al Port’Elisa di Lucca, dove la Lucchese ospita il Siena. La pantera è in lenta ripresa, e nell’ultimo turno è riuscita a raggiungere nuovamente la posizione utile per partecipare ai playoff: posizione che però deve essere difesa dagli assalti della Pro Piacenza. Attenzione però al Siena, squadra sì che attraversa un momento davvero difficile, ma che con un eventuale vittoria potrebbe raggiungere la partecipazione alla “post season”.

Prato (33) – Cremonese (69). Partita a dir poco decisiva per la Cremonese, che dopo essere arrivata ad una sola lunghezza dall’Alessandria, affronta in trasferta il Prato, squadra che nemmeno una settimana fa era riuscita a fermare sul pareggio i piemontesi. Per questo, e per il difficile impegno che attende la formazione di Piero Braglia, Scappini e co vogliono tornare dal Lungobisenzio con tre punti che, in caso di risultati positivi da Vitebro, potrebbero valere il primato in classifica.

Pro Piacenza (45) – Como (49). A Piacenza, va in scena un autentico spareggio playoff, vista la sfida tra Pro Piacenza e Como, due squadre divise da quattro punti. In caso di vittoria del Como, la tabella alla “post season” potrebbe prendere una piega definitiva, visto che si delineerebbe una spaccatura tra la decima posizione e le restanti. Se invece a vincere fossero i padroni di casa, reduci fra l’altro da un pesante poker subito nel derby cittadino, squadre come proprio come quella lombarda verrebbero risucchiate nella parte bassa delle posizioni utili per i playoff.